728x90

Comprimi

Reflusso gastroesofageo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #46
    Re: Reflusso gastroesofageo

    è vero che il canto puo' influenzare e aumentare il refluso e problemi gastrici per il suo coinvolgimento  diaframmatico?
    Reflusso sì, per l'aumento della pressione endoaddominale sotto sforzo. Problemi gastrici direi di no.
    quali sono i sintomi laringei, o meglio cosa esattamente succede alla voce nel caso il reflusso interessi la laringe?
    Ripeto: il reflusso è innocuo. Se esso arriva in faringe diviene rigurgito, che, se aspirato involontariamente in laringe, irrita le corde vocali a causa del suo pH
    fortemente acido.
    come mai alcuni insegnanti di canto dicono che il reflusso sia una leggenda e che l'ifiammazione non da poi cosi tanti problemi nel canto? ci sono basi concrete in queste affermazioni?
    ho già detto.
    peralndo di dieta c'è di solito molto contrasto per quanto riguarda il latte, c'è chi dice che essendo alcalino fa bene a chi soffre di reflusso c'è chi invece dice il contrario, dove sta la verità? se ce ne è una poi
    del tutto soggettivo, non ci sono regole generali.
    è vero che il fattore psicologico puo' aumentare da 20 fino addirittura 50 volte la produzione di acido nello stomaco?
    lo stress aggrava il reflusso. nessuno ha mai contato di quanto.
    he cos'è esattamente il reflusso biliare ed è vero che per questo ci sono meno cure rispetto a quello acido?
    il reflusso biliare avviene dal duodeno allo stomaco, non c'entra per nulla.
    Prima Pensare Poi Postare Perché Post Poco Pensati Producono Pirlate

    Commenta


    • #47
      Re: Reflusso gastroesofageo

      Ringrazio Doc Mau per le puntuali risposte

      Citazione da docmau
      il reflusso biliare avviene dal duodeno allo stomaco, non c'entra per nulla.

      a ok ora capisco dove sta il fraintendimento per cui tu mi hai detto che avevo detto una sciocchezza , in effetti nel volere esprimere le mie idee ho avito un po fretta ..mea culpa...in effetti il reflusso biliare e quello come dici tu che dal duodeno passa allo stomaco (credo sia un problema al pirolo???) io invece intendevo parlare del reflusso di bile dallo stomaco all'esofago, il foniatra che meglio mi ha spiegato questa cosa mi ha detto che se arriva bile nello stomaco questa poi puo' accompagnare l'acido nel reflusso gastroesofageo (chiaramente ci deve essere prima un reflusso dal duodeno allo stomaco)..il fatto è che gli antiacidi secondo questo medico non avrebbero efficacia contro la bile che risale in esofago e magari in laringe.
      Se posso piu' o meno farti legger qualcosa che assomigliava a quello che mi ha detto il foniatra ho trovato questo su internet...

      http://www.medicina-benessere.com/Me...o_biliare.html

      Lo so sto sito fa un po medicina da edicola ma pasamelo...

      Grazie ancora

      Commenta


      • #48
        Re: Reflusso gastroesofageo

        se arriva bile nello stomaco questa poi puo' accompagnare l'acido nel reflusso gastroesofageo (chiaramente ci deve essere prima un reflusso dal duodeno allo stomaco)
        Se arriva bile nello stomaco, per insufficienza pilorica ( e non pirolica 8) ) i danni che si creano nella mucosa gastrica sono talmente devastanti che l'esofago manco sa che esistono...
        Prima Pensare Poi Postare Perché Post Poco Pensati Producono Pirlate

        Commenta


        • #49
          Re: Reflusso gastroesofageo

          Mi pare non sia stato citato il mio caso: incontinenza cardiatica. Stress, cambi di clima e alimentazione sbagliata mi causano i ben noti disagi già esplicati nei posto precedenti, il mio medico mi ha prescritto del lansoprazolo, a cicli di due settimane quando iniziano i disturbi. Sembra inoltre che il fenomeno sia riducibile ma non eliminabile, è vero?
          I was on the wrong page of the wrong book
          With the wrong rendition of the wrong hook
          Made the wrong move, every wrong night
          With the wrong tune played till it sounded right yeah

          Commenta


          • #50
            Re: Reflusso gastroesofageo

            L'incompetenza del cardias (non insufficienza...) è la causa più diffusa del riflusso.
            Il cardias è la valvola che dovrebbe chiudere il transito paradosso dallo stomaco all'esofago.
            Prima Pensare Poi Postare Perché Post Poco Pensati Producono Pirlate

            Commenta


            • #51
              Re: Reflusso gastroesofageo

              Citazione da docmau
              L'incompetenza del cardias (non insufficienza...) è la causa più diffusa del riflusso.
              Il cardias è la valvola che dovrebbe chiudere il transito paradosso dallo stomaco all'esofago.
              In effetti un cardias che non fa il suo lavoro è un cardias incompetente...

              (lo so che è una definizione corretta, ma mi fa schiantare lo stesso...)

              Antonella, ti amo da morire, mi manchi da impazzire, dovunque tu sia saremo sempre una cosa sola.

              Commenta


              • #52
                Re: Reflusso gastroesofageo

                Citazione da Darkdawn
                In effetti un cardias che non fa il suo lavoro è un cardias incompetente...

                (lo so che è una definizione corretta, ma mi fa schiantare lo stesso...)
                beh tra incompetenza e incontinenza è una dura lotta

                "Oh nuit enchanteresse<br />Divin ravissement<br />Oh souvenir charmant,<br />Folle ivresse, doux rêve!"

                Commenta


                • #53
                  Re: Reflusso gastroesofageo

                  Citazione da docmau
                  L'incompetenza del cardias (non insufficienza...) è la causa più diffusa del riflusso.
                  Il cardias è la valvola che dovrebbe chiudere il transito paradosso dallo stomaco all'esofago.
                  Uhmmmm... Ti dirò: sono quasi sicuro di aver inteso correttamente il termine "incontinenza" detto dal mio medico, ma ora mi hai messo un tarlo in testa, chiederò delucidazioni.
                  I was on the wrong page of the wrong book
                  With the wrong rendition of the wrong hook
                  Made the wrong move, every wrong night
                  With the wrong tune played till it sounded right yeah

                  Commenta


                  • #54
                    Re: Reflusso gastroesofageo

                    Citazione da Epoch
                    Uhmmmm... Ti dirò: sono quasi sicuro di aver inteso correttamente il termine "incontinenza" detto dal mio medico, ma ora mi hai messo un tarlo in testa, chiederò delucidazioni.
                    Hai inteso perfettamente.
                    Incontinenza e incompetenza in questo caso sono termini praticamente interscambiabili.
                    "Incontinenza" significa che non trattiene.
                    "Incompetenza" significa che non svolge il suo lavoro, cioè cioè quello di chiudersi perfettamente impedendo il transito del contenuto gastrico in direzione antiperistaltica.

                    Antonella, ti amo da morire, mi manchi da impazzire, dovunque tu sia saremo sempre una cosa sola.

                    Commenta


                    • #55
                      Re: Reflusso gastroesofageo

                      ...ma quanto siete cagafini...
                      Prima Pensare Poi Postare Perché Post Poco Pensati Producono Pirlate

                      Commenta


                      • #56
                        Re: Reflusso gastroesofageo

                        Ecchennesò io?
                        Non sono mica un medico...
                        I was on the wrong page of the wrong book
                        With the wrong rendition of the wrong hook
                        Made the wrong move, every wrong night
                        With the wrong tune played till it sounded right yeah

                        Commenta


                        • #57
                          Re: Reflusso gastroesofageo

                          Mi sento di dissentire da quanto detto (pur con tutto il rispetto). Il reflusso danneggia eccome l'apparato fonatorio (spero di non scatenare polemiche, ma di rimanere nel rispetto delle pur giustificate divergenze di opinioni, specie tra colleghi).

                          Il reflusso è causa di aritenoidite, tracheite, faringite e laringite cronica posteriore.
                          Determina edema ed ipervascolarizzazione a carico delle corde vocali, con conseguente maggiore incidenza di corditi emorragiche.
                          Determina ristagno di muco sul piano glottico con conseguente disfonia a inizio della frase.
                          Determina nei casi più severi la cosiddetta "ulcera di Jackson" (anche impropriamente chiamata "granuloma di Jackson").
                          E' peraltro ipotizzata, ma ancora non oggetto di alcuna pubblicazione, la relazione tra il reflusso e una maggiore incidenza di cisti da ritenzione, non solo a carico delle corde vocali, ma anche a carico di altri tratti della laringe o della faringe.
                          Una buona quota dei casi di asma reattivo sono sostenuti dal reflusso e persino l'asma allergico, che vede la sua causa nell'allergia respiratoria, viene notevolmente influenzato, nella storia naturale del proprio decorso da episodi di reflusso. Infatti i soggetti che soffrono di asma allergico trovano beneficio nel trattamento del reflusso, andando incontro a notevole diminuzione nel numero e nell'entità degli episodi asmatici.

                          Tutto questo avviene non solo in caso di rigurgito, ma anche quando si verifica il cosiddetto reflusso laringofaringeo (sostenuto prevalentemente da particelle acide in sospensione, veicolate dai gas presenti nello stomaco).

                          Detto questo non intendo dire che tutti debbano necessariamente essere trattati per il reflusso. Ogni caso va valutato a se stante, ma è ormai certo che il reflusso sia una condizione molto diffusa, da alcuni ritenuta una vera e propria patologia professionale del cantante professionista, e nei confronti della quale il cantante deve trovare il modo di convivere.

                          Io personalmente vedo circa 1300 pazienti all'anno e posso garantire che i quasi 400 pazienti all'anno che soffrono di reflusso che vedo beneficiano eccome del trattamento, sia in termini di produzione della voce, sia in termini di miglioramento del quadro endoscopico e di regressione della sintomatologia.

                          Nella fattispecie, oltre ai numerosi sintomi determinati dal reflusso, quelli più lamentati dal cantante sono rappresentati da un certo ritardo della "messa in nota" con esordio tendenzialmente calante (sostenuto dall'aritenoidite), da una variabile perdita del settore tonale acuto, specie in registro leggero (dovuto al grado variabile di edema cordale) e da una disfonia tipicamente a inizio del fraseggio (causata dal ristagno di muco sul piano glottico che, successivamente, viene spinto nei ventricoli laringei dalla vibrazione cordale stessa con recupero di un grado accettabile di eufonia).

                          Chiaramente l'impatto di tali sintomi sull'attività artistica dipende dall'entità dei sintomi stessi e dalla resa vocale richiesta al performer/artista (che dipende naturalmente dallo stile musicale affrontato, dal repertorio e da scelte artistiche).

                          Detto ciò ripeto che con questo non voglio dire che tutti debbano correre in farmacia a prendere gli inibitori della pompa proteica, ma che ogni caso di reflusso, se causa di problemi vada affrontato a se stante (anche per l'incidenza non trascurabile dei casi di reflusso biliare o misto, come citato nei post precedenti).

                          Un caro saluto,

                          Stefano Brambilla
                          Stefano Brambilla<br />----------------<br />www.myspace.com/foniatria

                          Commenta


                          • #58
                            Re: Reflusso gastroesofageo

                            Citazione da Stefano Brambilla
                            Mi sento di dissentire da quanto detto (pur con tutto il rispetto). Il reflusso danneggia eccome l'apparato fonatorio (spero di non scatenare polemiche, ma di rimanere nel rispetto delle pur giustificate divergenze di opinioni, specie tra colleghi).

                            Il reflusso è causa di aritenoidite, tracheite, faringite e laringite cronica posteriore.
                            Determina edema ed ipervascolarizzazione a carico delle corde vocali, con conseguente maggiore incidenza di corditi emorragiche.
                            Determina ristagno di muco sul piano glottico con conseguente disfonia a inizio della frase.

                            Tutto questo avviene non solo in caso di rigurgito, ma anche quando si verifica il cosiddetto reflusso laringofaringeo (sostenuto prevalentemente da particelle acide in sospensione, veicolate dai gas presenti nello stomaco)
                            Quoto in pieno purtroppo: io ho sofferto di reflusso gastrico e pur non avendo rigurgito ho sofferto per mesi di faringite dovuta ai "gas acidi"

                            Commenta


                            • #59
                              Re: Reflusso gastroesofageo

                              Citazione da jacksquarter
                              Quoto in pieno purtroppo: io ho sofferto di reflusso gastrico e pur non avendo rigurgito ho sofferto per mesi di faringite dovuta ai "gas acidi"
                              io ne soffro, e nonostante le cure ripetute e numerose (ne ho cambiate già 4) non riesco ad attutire i sintomi, quelli descritti in sintesi dal dott. Brambilla
                              &#039;a libertà....&#039;a libertà....pure &#039;o pappavallo ll&#039;adda pruvà<br />e chest&#039;è<br />http://www.youtube.com/watch?v=mmXAqFXPGYg

                              Commenta


                              • #60
                                Re: Reflusso gastroesofageo

                                Benvenuto al collega Stefano. Son certo che la sua esperienza sarà oltremodo fruttuosa al forum tutto.
                                Forse son stato io ad esser poco chiaro nelle mie affermazioni.
                                Io ho inteso come "reflusso gastroesofageo" la risalita in esofago del contenuto acido dello stomaco, con conseguente irritazione del terzo inferiore dell'esofago, e "rigurgito" la risalita di tale contenuto fino a livello di laringe e faringe, con tutto quel che ne consegue.
                                Sul resto mi pare non ci sia nulla che richieda discussioni, no?
                                E' anche altrettanto possibile che ciò che io do per scontato e che, non essendo il mio settore precipuo di attività, definisco con nomenclature che risalgono alla seconda guerra punica, oggi venga definito altrimenti.
                                So' vecchietto, nu ce posso fa' niente!
                                Prima Pensare Poi Postare Perché Post Poco Pensati Producono Pirlate

                                Commenta

                                240x200 Colonna destra - Post

                                Comprimi

                                240x90 - Colonna Destra

                                Comprimi

                                240x480 - Colonna Destra Post

                                Comprimi

                                240x48

                                Comprimi

                                240x90

                                Comprimi

                                240x340

                                Comprimi

                                Footer 728x90

                                Comprimi
                                Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
                                X