728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Esercizi vocali

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Esercizi vocali

    Salve a tutti, premetto che non sono un cantante vero, solo una persona che si diverte a cantare "sotto la doccia".
    Detto ciò oggi per pura curiosità mi sono registrato mentre canticchiavo e ho notato che la mia voce è, come dire... flebile?, cioè anche se le note erano nelle mie corde il suono che usciva era debole e la voce tremava. Questo problema si risolve col tempo cantando o bisogna fare qualche esercizio vocale specifico?

  • #2
    Ciao e benvenuto!
    Si tratta quasi sicuramente di appoggio, sentivi che sfuggiva aria mentre cantavi? Molto probabilmente il problema riguarda anche la risonanza, bisogna capire in che proporzioni, ma la voce che trema può far pensare a poco controllo della spinta diaframmatica, che attenzione non è questione di spingere di più, proprio di controllo di questa forza. E' possibile che il tuo contatto cordale sia insufficiente, per compensare la mancanza di tonicità.
    Per curiosità come parli? Se parli forte e chiaro, ad esempio potresti pensare a cosa è presente nella tua voce parlata che manca nel canto, sennò pensa alle volte che lo fai.
    Su che note la tua voce trema di più, alte o basse?

    Commenta


    • #3
      Ciao! Di voce sono baritonale, la registrazione che ho fatto era su note un pelo più alta della mia zona di confort, in voce piena piena non mi sono mai registrato, comunque, in voce parlata ho un volume forte e abbastanza chiaro cosa che purtroppo non ritrovo nel canto.
      Ho notato poi che facendo gli esercizi vocali con "gh" mi stanco in fretta, è possibile che abbia i muscoli per la chiusura delle corde vocali poco tonici?

      Commenta


      • #4
        Dipende da che vocale associ al "gh", immagino G dura e con che risonanza e a che altezza, è un esercizio che aiuta con la tonicità, ma per principianti e non solo loro, può essere disastroso applicato a freddo alle note di passaggio, perchè più si sale, meno contatto cordale è necessario perchè il suono risulti chiuso e compresso, già solo in ragione dell'aumento della tensione. E' ciò che alcuni chiamano grado di apnea, cioè la capacità delle corde di bloccare il flusso d'aria e fiato, cosa che sappiamo entrambi non deve essere nè eccessiva ne insufficiente, sempre messa in relazione alla spinta del diaframma.
        Nel parlato si tende a stare su note più basse, anche se non so tu, lì l'adduzione tende ad essere tonica poichè si tratta più raramente di suoni legati e durevoli, e questo compensa per il frequente mancato controllo del diaframma, che sale in fretta e la "gola" quindi ferma il fiato eccessivo. Anche la minore escursione di note lo rende meno impegnativo. Questo in media, poichè il parlato di tutti è diverso in relazione al proprio carattere e disposizione.
        Però almeno nelle note basse o quelle che raggiungi col parlato puoi riporre una parte della tonicità che riesci a raggiungere.
        Non credo che il Gh ti faccia durare fatica per problemi di tonicità, ma perchè probabilmente c'è un po' della gola del parlato, atteggiamento atto a trattenere l'aria se non si controlla la risalità del diaframma .
        La risonanza è utile poichè economizzi infine la tonicità necessaria e solo in ultimo cercherai nella maggiore pressione più volume.
        E' possibile che non conosca le note che stai cantando dico bene, ma per il limite della tua zona confortevole posso darti il punto di riferimento del Do centrale del piano forte, quello sotto il Mi cantino della chitarra, quest'ultimo è dove si articolerà maggiormente il tuo passaggio, modificazioni vocali e laringee allentamenti e aggiustamenti graduali del contatto cordale che è ancora troppo presto per "aggredire" con il Gh, ma lo puoi usare sotto il Do centrale.
        Dovresti provare, per controllare il diaframma, esercizi sul fiato puro. Mi viene in mente il fischiare, dove ho notato che molti attaccano con la gola o glottide, ecco, bisogna immaginare di fischiare, se già lo sai fare interrompendo il fiato di volta in volta e riprendendolo sensa usare la gola. Ovviamente il fischio a differenza delle corde non trattiene aria granchè, tuttavia ha delle variazioni legate all'altezza e per variare il volume si disperderà più fiato. Poi per allentare il contatto e la gola, il pianto, la UU, per passare a I e E .
        Poi gli aspetti di base come il velo palatale alzato al fine di evitare la nasalità, ma questo probabilmente lo sai già, in quanto il Gh, come Ch, essendo velari lo elicitano, insieme allo sbadiglio.
        Ciao ancora e a presto, spero di essere di aiuto

        Commenta

        240x200 Colonna destra - Post

        Comprimi

        240x90 - Colonna Destra

        Comprimi

        240x480 - Colonna Destra Post

        Comprimi

        240x48

        Comprimi

        240x90

        Comprimi

        240x340

        Comprimi

        Footer 728x90

        Comprimi
        Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
        X