728x90

Comprimi

Problema intonazione chitarra su bending con ponte mobile

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • laiho88
    ha risposto
    Citazione da Manthix Visualizza il messaggio
    Ciao a tutti,
    recentemente, interrogandomi sulla questione dell'intonazione dello strumento nel momento in cui si effettua un bending (con ponte tremolo/floyd rose), mi sono posto una domanda: ma è davvero possibile che tutte le chitarre, anche quelle da 2000€, abbiano questo "limite" e che nessuna casa costruttrice (o perlomeno quelle più blasonate) abbia implementato un sistema "di serie" per ovviare a questo problema?
    Facendo una ricerca su google ho trovato diverse soluzioni che si possono attuare sullo strumento per migliorarne l'intonazione: il tremsetter, l'arming adjuster, il rockinger black box, ecc... Ma quello che mi chiedo è se quindi dobbiamo dare per scontato che tutti coloro che suonano la chitarra ad un livello professionale e quindi anche tutti i chitarristi più famosi utilizzino uno di questi sistemi. E' così? Altrimenti dobbiamo supporre che anche a quei livelli si debba convivere col problema dell'intonazione?
    Grazie a chi mi chiarirà un po le idee ;)

    Max
    Blasone a parte, il discorso è fisico, il ponte tremolo o floyd rose, per come è concepito, rappresenta un equilibrio tra tensione delle corde e controtensione delle molle, se faccio un bending su una qualsiasi corda sto andando a incrementare la tensione verso il manico perchè applico più forza, quindi il ponte mi verrà logicamente dietro, i casi in realtà sono due, o ti accontenti di avere il ponte basculante solo verso il basso e blocchi parzialmente il ponte ( se fender schiacciandolo contro il body, se floyd inserendo uno spessore nel vano molle) ma in questo caso la leva sarà molto più dura da usare, oppure sei costretto ad un lieve superlavoro di ascolto e ti abitui a fare un leggero bending anche sulla corda sottostante, in modo da avvicinarti al pitch corretto, se il genere che suoni impone un ampio uso di double stop e se questa differenza di pitch davvero ti crea tutti questi problemi, prendi uno strumento a ponte fisso

    Lascia un commento:


  • VSmolsky
    ha risposto
    Citazione da Manthix Visualizza il messaggio
    Ok, non parlo dell'intonazione della corda stessa su cui fai il bending.
    Prova a fare un bending sulla 3a corda (per esempio) e suonare una nota sulla 2a corda mentre tieni il bending sulla 3a; Sarà calante rispetto al caso in cui la suoni senza fare il bending sulla 3a corda.
    E' un limite dei sistemi tremolo classici, a non mi risulta che John Mayer e David Gilmour se ne siano mai lamentati.
    https://youtu.be/Z_vSNZAuYLQ?t=505
    In questo passaggio, ti accorgi che la note prese sul MI cantino sono calanti?
    E se la note calante venisse usata per dare un colore particolare al proprio fraseggio?
    https://youtu.be/YNQUXvwu0kM?t=69

    Il problema dei doublestops, o unison bends che dir si voglia, non è tanto la nota calante sulla seconda corda, ma dare l'intonazione giusta alla terza corda. Se poi la seconda corda è calante di 3 cents, pazienza. Chi vuoi che se ne accorga?
    Quindi se la domanda è "come si fa a suonare con una nota leggermente calante mentre fai un bending?", la risposta è: si fa. Come fanno milioni di chitarristi sparsi per il pianeta.

    Tu credi di essere perfettamente intonato lungo tutto la tua tastiera? Dalla corda vuota fino al 21° esimo tasto? La chitarra, essendo uno strumento a corda, ha un'intonazione intrinsecamente imperfetta. Non entro nel merito del sistema temperato e delle accordature addolcite, ma se hai tempo a pazienza per approfondire, scoprirai che ogni qual volta poggi il tuo dito sulla tastiera, sei quasi sempre "stonato". Il pitch del tuo G# si scosta leggermente da quello che teoricamente dovrebbe essere la frequenza di un G# stabilita dal sistema temperato. E lo stesso vale per qualsiasi altra nota prendi lungo la tastiera.
    Le uniche note su cui puoi essere intonato con perfezione chirurgica sono le corde a vuoto, ma solo nel momento in cui accordi, perchè dopo 30 secondi di strumming pure le corde a vuoto andranno fuori intonazione di +/-2 cents e sei punto e a capo.
    Un vecchio adagio recita che il chitarrista impiega metà della sua vita a suonare lo strumento e l'altra metà ad accordarlo...

    Lascia un commento:


  • Brummell
    ha risposto
    Ciao
    E' il motivo per il quale non avrò altre chitarre con il tremolo.
    Che io sappia c'è un ponte che ha un blocco ed è quello di questa Steinberger:


    Oltre ad essere considerato un tremolo eccezionale, in questa serie (mi pare) introdussero un sistema sulla leva che bloccava il ponte quando la suddetta era in posizione verticale (in basso).

    Lascia un commento:


  • Manthix
    ha risposto
    Ok, non parlo dell'intonazione della corda stessa su cui fai il bending.
    Prova a fare un bending sulla 3a corda (per esempio) e suonare una nota sulla 2a corda mentre tieni il bending sulla 3a; Sarà calante rispetto al caso in cui la suoni senza fare il bending sulla 3a corda.

    Lascia un commento:


  • Alex.Tomasi
    ha risposto
    sinceramente non ho mai notato questo problema di intonazione dato che col bending appunto vai a cercare la nota che vuoi fargli fare, sia col floyd che col tremolo! onestamente non capisco quale sia il problema nello specifico di cui parli

    Lascia un commento:


  • Manthix
    ha iniziato la discussione Problema intonazione chitarra su bending con ponte mobile

    Problema intonazione chitarra su bending con ponte mobile

    Ciao a tutti,
    recentemente, interrogandomi sulla questione dell'intonazione dello strumento nel momento in cui si effettua un bending (con ponte tremolo/floyd rose), mi sono posto una domanda: ma è davvero possibile che tutte le chitarre, anche quelle da 2000€, abbiano questo "limite" e che nessuna casa costruttrice (o perlomeno quelle più blasonate) abbia implementato un sistema "di serie" per ovviare a questo problema?
    Facendo una ricerca su google ho trovato diverse soluzioni che si possono attuare sullo strumento per migliorarne l'intonazione: il tremsetter, l'arming adjuster, il rockinger black box, ecc... Ma quello che mi chiedo è se quindi dobbiamo dare per scontato che tutti coloro che suonano la chitarra ad un livello professionale e quindi anche tutti i chitarristi più famosi utilizzino uno di questi sistemi. E' così? Altrimenti dobbiamo supporre che anche a quei livelli si debba convivere col problema dell'intonazione?
    Grazie a chi mi chiarirà un po le idee ;)

    Max

240x200 Colonna destra - Post

Comprimi

240x90 - Colonna Destra

Comprimi

240x480 - Colonna Destra Post

Comprimi

240x48

Comprimi

240x90

Comprimi

240x340

Comprimi

Footer 728x90

Comprimi
Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
X