728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cosa pensate delle Gibson Les Paul Studio e Tribute?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Fugu
    ha risposto
    Come ormai già saprete, perchè l'ho detto in vari post, ho avuto in passato un EC1000 ed attualmente una Gibson Flying V.

    La EC1000 è una chitarra che di Les Paul ha solo il rimando estetico, poi per il resto è totalemente differente e di concezione moderna; Sezione del manico e tasti decisamente più comodi di una Les Paul, meccaniche autobloccanti, elettronica attiva (non necessariamente), ponti di qualità (Tonepros, Evertune, Floyd Rose); Fondamentalmente è una Les Paul corretta, proprio li dove quest'ultima è carente (esempio appunto il problema di scordatura cronica che affligge Gibson).
    È senza dubbio una chitarra performante ma scordatevi che dal punto di vista delle finiture sia esente da nei (qualità costruttiva assolutamente da promuovere, ma non perfetta) e soprattutto è di un anonimo sconcertante (almeno a mio gusto, s'intenda); Insomma è da provare, chitarra di qualità ma che può non piacere.

    Per il discorso qualità, facendo un paragone con dei dati che potrebbero essere un pò vecchiotti (sia la Flying V che ho che la EC che avevo sono produzione 2009 circa), direi che si equivalgono; Proprio non potrei definire la mia Gibson come un legnaccio

    Lascia un commento:


  • VSmolsky
    ha risposto
    Citazione da Alex.Tomasi Visualizza il messaggio
    ho avuto 3 gibson in passato, una sg 61 reissue, una les paul custom nera ed una zakk wylde, manici insuonabili per me e l'accordatura da fare ogni 2x3
    La suonabilità è un fattore molto soggettivo, spesso legato alle dimensioni delle nostre mani.
    Rifiniture, estetica, stabilità, materiali, invece sono già fattori più oggettivi e "misurabili".

    Comunque, non sei il primo a lamentare problemi su Gibson da 3000€ di listino, produzione USA. Ci credo quando dici che ti sei trovato meglio con ESP.
    Io per fortuna sono virtualmente immune al fascino della paletta a libro, ma essendomi portato a casa lo scorso anno una chitarra T-style, ho capito che nella musica mai dire mai...
    Già da qualche tempo le mie antenne radar si sono drizzate per le Tokai e le Greco...spero di non capitolare mai

    Lascia un commento:


  • Alex.Tomasi
    ha risposto
    Citazione da VSmolsky Visualizza il messaggio

    Come Gibson, hai mai provato una Standard o una VOS/Custom Shop?
    ho avuto 3 gibson in passato, una sg 61 reissue, una les paul custom nera ed una zakk wylde, manici insuonabili per me e l'accordatura da fare ogni 2x3

    Lascia un commento:


  • VSmolsky
    ha risposto
    Citazione da Alex.Tomasi Visualizza il messaggio
    le ho trovate migliori delle gibson come suonabilità ed esteticamente non hanno nulla da invidiare, anzi
    Come Gibson, hai mai provato una Standard o una VOS/Custom Shop?

    Lascia un commento:


  • Alex.Tomasi
    ha risposto
    le ho trovate migliori delle gibson come suonabilità ed esteticamente non hanno nulla da invidiare, anzi

    Lascia un commento:


  • Fugu
    ha risposto
    Citazione da Gridlock Visualizza il messaggio
    Delle ltd serie ec?
    Buone chitarre, ovviamente anche a seconda di quale prendi (la serie EC è composta da vari modelli); Se è una chitarra che ti piace darei un occhio all'usato, puoi trovarti una chitarra di tutto rispetto ad un prezzo onesto.

    Lascia un commento:


  • Gridlock
    ha risposto
    Delle ltd serie ec?

    Lascia un commento:


  • antonyo
    ha risposto
    Un chitarrista mio amico suona LP Studio e va benissimo. Ovvio che se sali di prezzo sali di qualità, ma che la studio sia un legnaccio non mi pare proprio.

    Lascia un commento:


  • Gridlock
    ha risposto
    Grazie
    Non devo prendere un lp, chiedevo per capire le differenze e vedere un po' cosa ne pensate

    Lascia un commento:


  • andream
    ha risposto
    La studio che avevo io suonava un botto dato che era con le camere tonali e non verniciata, il pick up era un Gibson solito quindi sulla pasta del suono nessuna sorpresa.

    Comunque era uno strumento raccapricciante dal punto di vista della qualita' e dei materiali, tant'e' che dopo essere stata appoggiata a fianco della mia LP giapponese e' stata rivenduta subito. Una tastiera cosi' brutta non penso di averla mai vista. Molto meglio una PRS SE.

    SE la trovi, cosa moooolto difficile in Europa, cerca una PRS single cut satinata usata: suona un botto ma e' fatta bene.

    Lascia un commento:


  • VSmolsky
    ha risposto
    Da "esterno", in quanto mai stato proprietario di LP nè patito del marchio Gibson, la sensazione che ho leggendo recensioni ufficiali e non, è che per avere una LP di buon livello bisogna andare sulla produzione USA (LP Standard) o addirittura Custom Shop/VOS, ed evitare l'entry-level tipo Studio, Tribute, ecc...

    PRS, visto che è stato citato, fa delle buone chitarre anche nella fascia entry con la serie SE (Student Edition), consentendoti di portarti a casa il bird inlay a cifre ragionevolissime. Gibson invece sembra fare chitarre di serie A (Standard/CustomShop/VOS) e chitarre di serie C (Tribute, Studio, ecc...). I legnacci di cui parlava MarianoC.

    Però, ripeto, parere da osservatore esterno. Altri ti sapranno dire di più sull'argomento.


    Poi ci sarebbero da considerare anche le altre serie, ovvero Traditional, Classic, ecc..che vanno a coprire le varie fasce di mercato. Anche qui, come con Fender, è un fiorire di nuovi nomi che non fanno altro che confondere il cliente.
    Poi ci sarebbe da considerare un aspetto a dir poco inquietante, ovvero che pure chi ha speso 3000-3500€ per una LP Standard, ha avuto da ridire sulla sua qualità costruttiva: tastiere, capotasto, ponti, manici...
    Insomma, chi oggi compra Gibson deve studiare a fondo il catalogo e tenere 15 paia di occhi aperti.

    Delle belle LP sono le Heritage di cui vedo il banner pubblicitario proprio sotto il mio post, perchè costruite in nella storica factory Gibson di Kalamazoo (nome familiare a chiunque ami Gibson) da ex-dipendenti Gibson.
    Sono molto più di semplici imitazioni, perchè raccolgono tutto il retaggio storico di Gibson. Siamo a livelli di eccellenza, molto più vicine a una LP Custom Shop che non a una "comune" LP Standard.
    https://heritageguitars.com/
    Se come dice il link sottostante sono distribuite da BackLine, non dovresti avere difficoltà a trovare un negozio che le ha. Anche solo per testare con mano la differenza tra una LP figlia di una produzione di massa, e una LP artigianale vecchia scuola.

    Lascia un commento:


  • VSmolsky
    ha risposto
    La PRS, più che un clone Les Paul, è una via di mezzo LesPaul-Stratocaster. Può suonare anche da Les Paul volendo, ma il feel e le caratteristiche hardware sono molto diverse.


    Comunque, fossi al posto tuo, io darei un'occhio anche alle lawsuit ovvero Greco, Aria, Tokai, Ibanez. Se hai in mente di spendere 1000€ per una Studio, a meno puoi trovare queste, che, in media, suonano 10 volte di più rispetto a una Les Paul moderna perchè prodotte in altra epoca con tutt'altra filosofia costruttiva alle spalle.
    Più da artigiano e meno da bu$ine$$ man. Più pensando alla musicalità dell'oggetto, che non ai ricavi che si possono trarre dallo stesso.
    https://www.mercatinomusicale.com/mm...id6410460.html
    https://www.mercatinomusicale.com/mm...id5704392.html
    https://www.mercatinomusicale.com/mm...id6395680.html
    https://www.mercatinomusicale.com/mm...id5826125.html
    https://www.mercatinomusicale.com/mm...id6459537.html
    https://www.mercatinomusicale.com/mm...id6107606.html

    Lascia un commento:


  • Gridlock
    ha risposto
    Citazione da Fugu Visualizza il messaggio

    È una chitarra abbastanza diversa dalla Les Paul, però devo dire che il prezzo (anche come B-Stock) è allettante
    Era per citare un'altra tra marca er rapporto qualità prezzo.
    Comunque veramente ottima quell'offerta

    Lascia un commento:


  • SH
    ha risposto
    Beh, le Les Paul Studio costano meno soprattutto perchè strumenti privi di fronzoli, da utilizzare appunto in studio.
    Ovvio che risparmiando su binding, sul corpo piatto invece che bombato, sulla mancanza di case rigido e su altre finezze il risparmio venga fuor, più che sull'utlizzo di legni diversi. Non scommetterie affatto, peraltro, su una diversa qualità di questi ultimi e sicuramente non cosidererei le studio dei "legnacci".
    Poi è anche ovvio che le Gibson costino di più di chitarre equivalenti (anche in qualità) di altre marche...noblesse oblige.

    Se comunque l'alternativa deve essere una PRS va messo in cantiere che sono chitarre piuttosto diverse dalle Les Paul, a partire dalla scala.

    Lascia un commento:


  • cirpo58
    ha risposto
    Mah...da possessore di una Les Paul Standard del 1988 prima, di una Les Paul Tribute poi e ora di una Les Paul Studio, sinceramente tutte queste gran differenze non le vedo e non le sento. Onestamente con la Les Paul Studio mi trovo più che bene.Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   maxresdefault.jpg 
Visite: 105 
Dimensione: 171.8 KB 
ID: 2175928

    Lascia un commento:

240x200 Colonna destra - Post

Comprimi

240x90 - Colonna Destra

Comprimi

240x480 - Colonna Destra Post

Comprimi

240x48

Comprimi

240x90

Comprimi

240x340

Comprimi

Footer 728x90

Comprimi
Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
X