728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Scelta prima Stratocaster

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Scelta prima Stratocaster

    Salve a tutti

    Orami da mesi, inaspettatamente, sono in scimmia da Stratocaster

    Vorrei una chitarra che suoni da vera Strato: single coil, classico twang, attacco presente e bei puliti .... insomma lo sapete come suona una Strato

    Il problema principale è che non riesco proprio a decidere su quale modello puntare; Oltre il budget non esorbitante (7/800 euro) la vastità del catalogo che si è creato nel tempo mi rende il compito per nulla semplice; Diciamo che almeno una prima scrematura l'avrei fatta, eliminando (almeno sulla carta) produzione Messico standard, le nuove Classic Player che per l'appunto hanno sostituito le "vecchie" Made in Messico e le Vintera (non che non siano carine, e qualcuna interessante, ma a mio avviso hanno un prezzo un pò troppo sbilanciato per quello che effettivamente sono) e dando quindi priorità alle American e anche alle Japan (ovviamente visto il budget risicato valuto nel modo più assoluto il mercato dell'usato).

    Esteticamente parlando preferisco il manico/tastiera in acero (meglio se non laccato), le colorazioni a tinta unita Vintage (Seafoam Green, Sonic Blue, Surf Green, Olympic White...) ed il ponte sei viti; Indifferenti tipologia di meccaniche e eventuale palettone; Ovviamente la sostanza prevale su questi aspetti quindi, solo per porvi un esempio, se le meccaniche standard sono migliori rispetto a quelle vintage che mi piacciono maggiormente, non ho alcun problema a prendere una Strato che monti le meccaniche standard; Questo vale in generale, anche per gli altri componenti (a meno che un eventuale candidata non sia proprio incompatibile con i miei gusti)

    Come dicevo vorrei una Strato "pura", non ho bisogno della chitarra iperversatile con varie configurazioni, tap coil/split coil eccetera; Ho già altre chitarre, con cui posso suonare altro, ciò che mi manca è proprio il suono Fender; Direi quindi che ho bisogno di una configurazione S-S-S, dal suono bello sferraglioso ma senza troppi acuti (magari la scelta del manico in acero non aiuta in questo senso, ma come vi dicevo sono aperto a varie ipotesi, ciò che conta è che la resa sonora finale sia quella giusta) e con un pizzichino di cattiveria (magari dei Texas Special?).

    Dopo tutto questo papiello sono comunque aperto a qualsiasi consiglio, quello che conta è che la chitarra suoni bene; Consigli?


  • #2
    Insomma sei passato al lato oscuro della chitarra anche tu
    Una American Standard, anche usata? Secondo me sul mercatino, ma anche sui vari gruppi FB se ne trovano parecchie, hai provato a farci un giro?
    A mio parere è quello che serve a te, una chitarra non troppo costosa ma che parta da basi ottime, meglio di molte produzioni orientali/messicane.
    Che poi in realtà secondo me, se becchi la Made in Mexico fatta veramente bene e la customizzi viene fuori un'ottima chitarra, però se la tua idea è di una Strato traditional andrei su una americana
    Art Of Motion, musica in movimento.
    https://artofmotion.bandcamp.com/releases

    Commenta


    • #3
      una G&L ?
      Chitarrista dei Mercato Nero e Prototape

      Commenta


      • #4
        se non deve per forza essere Fender, le Godin Session sono ottime. Se il budget lo permette Godin Progression Plus o Ibanez AZ2204.

        Suoni assolutamente da strato senza particolari aggiunte, se non magari qualcosina, ma che si può tranquillamente evitare di usare rimanendo e godendosi le 5 posizioni. Ottimi legni e assemblaggio

        Commenta


        • #5
          La serie Mexico comprende vari modelli. Le Mex. Standard magari non saranno chitarre indimenticabili, ma se vai sulle Classic60 e Classic70 trovi qualcosa che non fa rimpiangere affatto le serie USA.
          Io ho la Classic70 e ti garantisco che se copri la paletta, ti sembra di tenere in mano una americana, sia come feeling che come suoni (merito dei nuovi pickup).

          Purtroppo oggi nel catalogo Fender si è creata una enorme confusione tra Vintera, American Pro, American Player, American Elite, American Ultra, American Performer, American Original. Una volta c'era solo la distinzione Mexico/USA, e poi la Japan per chi voleva il modello anni '80. Oggi è un casino.
          Dovessi prendere una Stratocaster oggi, gennaio 2020, sarei in grosse difficoltà pure io.

          Qualche considerazione random
          1. non escludere le produzioni messicane per partito preso, puoi trovare anche lì delle perle
          2. non sempre USA è sinonimo di altissima qualità, io ho trovato begli esemplari, ma anche dei bei pezzi da camino. Occhi aperti, sempre!!
          3. guarda all'usato, dove con 800-1000€ e un po' di pazienza mista a fortuna, ti puoi portare a casa una vecchia American Standard usata
          4. drizza le orecchie se vedi una Am. Std. 2012 coi pickup FAT50 di cui ho ottimi ricordi, ma drizzale ugualmente se vedi un'americana coi pickup 57/62
          5. se possibile, provala di persona prima di acquistarla (vedi punto 2.)
          6. le Tom Anderson sono fighissime

          Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   3bf50223-886b-44cc-a991-32924849142c.jpg  Visite: 0  Dimensione: 102.5 KB  ID: 2174940

          Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   4c6fcb6a44d9d49f545297d3c712ca97.png  Visite: 0  Dimensione: 2.36 MB  ID: 2174941
          Citazione da Vigilius
          una volta le cose vecchie erano vecchie e basta, non vintage

          Commenta


          • #6
            Eccomi

            Citazione da _cosimo_ Visualizza il messaggio
            Insomma sei passato al lato oscuro della chitarra anche tu
            Una American Standard, anche usata? Secondo me sul mercatino, ma anche sui vari gruppi FB se ne trovano parecchie, hai provato a farci un giro?
            A mio parere è quello che serve a te, una chitarra non troppo costosa ma che parta da basi ottime, meglio di molte produzioni orientali/messicane.
            Che poi in realtà secondo me, se becchi la Made in Mexico fatta veramente bene e la customizzi viene fuori un'ottima chitarra, però se la tua idea è di una Strato traditional andrei su una americana
            Guarda non me lo spiego neanche io, non posso definirmi un nemico del marchio ma per vari motivi ho negli anni maturato una certa antipatia per Fender.... sarà la vecchiaia

            Come no, su MM e simili ho trovato diversi annunci che potrebbero essere interessanti, il problema è la distanza; Non ho trovato nulla nelle mie vicinanze e per questa tipologia di chitarra, diversamente da come ho sempre fatto senza troppe remore, non me la sento di comprarla a scatola chiusa; La produzione Fender è troppo altalenante (uno dei motivi che ha alimentato "l'odio" di cui parlavo sopra).

            Come dicevo mi sto sforzando ad affrontare la questione senza particolari pregiudizi, quindi se trovo la Mexico che suona giusta me la porto a casa senza problemi; Però è categorico che io debba provarla.

            Citazione da Alex.Tomasi Visualizza il messaggio
            una G&L ?
            Assolutamente si, mi piacciono molto anche le G&L e devo dire che che la loro fascia bassa (Tribute) la preferirei a quella bassa di Fender (Player).

            Citazione da MarianoC Visualizza il messaggio
            se non deve per forza essere Fender, le Godin Session sono ottime. Se il budget lo permette Godin Progression Plus o Ibanez AZ2204.

            Suoni assolutamente da strato senza particolari aggiunte, se non magari qualcosina, ma che si può tranquillamente evitare di usare rimanendo e godendosi le 5 posizioni. Ottimi legni e assemblaggio
            Godin onestamente non la preferisco, anche se non ho mai avuto modo di provare quei modelli in particolare; La serie AZ della Ibanez la sto guardando da un pò, veramente bella; Però devo dire che sono un pò scoraggiato, oltre che dal costo dei modelli di punta anche dal "concetto" che c'è dietro; Credo sia si una Stratocaster ma di concezione moderna, studiata per essere versatile e performante (la "classica" chitarra da turnista); Avrà davvero il carattere di una Stratocaster "classica"?

            Citazione da VSmolsky Visualizza il messaggio
            La serie Mexico comprende vari modelli. Le Mex. Standard magari non saranno chitarre indimenticabili, ma se vai sulle Classic60 e Classic70 trovi qualcosa che non fa rimpiangere affatto le serie USA.
            Io ho la Classic70 e ti garantisco che se copri la paletta, ti sembra di tenere in mano una americana, sia come feeling che come suoni (merito dei nuovi pickup).


            Purtroppo oggi nel catalogo Fender si è creata una enorme confusione tra Vintera, American Pro, American Player, American Elite, American Ultra, American Performer, American Original. Una volta c'era solo la distinzione Mexico/USA, e poi la Japan per chi voleva il modello anni '80. Oggi è un casino.
            Dovessi prendere una Stratocaster oggi, gennaio 2020, sarei in grosse difficoltà pure io.

            Qualche considerazione random
            1. non escludere le produzioni messicane per partito preso, puoi trovare anche lì delle perle
            2. non sempre USA è sinonimo di altissima qualità, io ho trovato begli esemplari, ma anche dei bei pezzi da camino. Occhi aperti, sempre!!
            3. guarda all'usato, dove con 800-1000€ e un po' di pazienza mista a fortuna, ti puoi portare a casa una vecchia American Standard usata
            4. drizza le orecchie se vedi una Am. Std. 2012 coi pickup FAT50 di cui ho ottimi ricordi, ma drizzale ugualmente se vedi un'americana coi pickup 57/62
            5. se possibile, provala di persona prima di acquistarla (vedi punto 2.)
            6. le Tom Anderson sono fighissime

            Clicca sull'immagine per ingrandirla.  Nome: 3bf50223-886b-44cc-a991-32924849142c.jpg  Visite: 0  Dimensione: 102.5 KB  ID: 2174940

            Clicca sull'immagine per ingrandirla.  Nome: 4c6fcb6a44d9d49f545297d3c712ca97.png  Visite: 0  Dimensione: 2.36 MB  ID: 2174941
            Ecco già mi hai dato una dritta, ad esempio conoscevo la classic 60/70 ma non avendola mai provata non sapevo come "classificarla"; Alla stregua di una standard Mexico? Migliore? Peggiore? ora ad esempio so che è da tenere in considerazione

            Mi trovo poi d'accordo sul resto; Ci sono messicane onestissime e altrettante americane discutibili, assolutamente sull'usato potrei trovare un affare e si, le Tom Anderson spaccano, ma io sono povero come un paracarri

            Ah.... comunque non mi dispacerebbe neanche una Telecaster.....

            Commenta


            • #7
              Godin onestamente non la preferisco, anche se non ho mai avuto modo di provare quei modelli in particolare; La serie AZ della Ibanez la sto guardando da un pò, veramente bella; Però devo dire che sono un pò scoraggiato, oltre che dal costo dei modelli di punta anche dal "concetto" che c'è dietro; Credo sia si una Stratocaster ma di concezione moderna, studiata per essere versatile e performante (la "classica" chitarra da turnista); Avrà davvero il carattere di una Stratocaster "classica"?
              Il suono di una chitarra elettrica è data da molti fattori, ma due dei più importanti sono la scala, il tipo ma ancor di più il posizionamento dei pick up lungo la scala. È il motivo per cui puoi mettere dui PAF a una Tele ma non suonerà come una Les Paul

              Qualsiasi chitarra a scala lunga con 3 pick up (preferibilmente single coil) messi in quella posizione lungo la scala, suonerà da Stratocaster. Il resto sono pippe mentali. Sopratutto se il produttore userà legni "consoni", cioè quanto più possibile vicini al progetto che noi consideriamo classico.

              Insomma: se ha quei legni, quella scala (25.5 pollici), e i single coil messi il quel modo, è una strato e suonerà come tale.

              Poi è tutta questione di quanta qualità c'è nel singolo componente, dai legni ai potenziometri ai pick up. Non c'è nessuna magia dietro, solo misure, forme ed elettronica

              Commenta


              • #8
                Se veramente non hai pregiudizi e vuoi limitare spesa / sbattimenti magari guarda una buona vecchia Pacifica
                Come sempre i pick up sono una scelta personale.

                Io eviterei le squier-fender giappo vecchie, l'elettronica era pessima e facile che siano da ritastare.

                Commenta


                • #9
                  Citazione da MarianoC Visualizza il messaggio
                  Il suono di una chitarra elettrica è data da molti fattori, ma due dei più importanti sono la scala, il tipo ma ancor di più il posizionamento dei pick up lungo la scala. È il motivo per cui puoi mettere dui PAF a una Tele ma non suonerà come una Les Paul

                  Qualsiasi chitarra a scala lunga con 3 pick up (preferibilmente single coil) messi in quella posizione lungo la scala, suonerà da Stratocaster. Il resto sono pippe mentali. Sopratutto se il produttore userà legni "consoni", cioè quanto più possibile vicini al progetto che noi consideriamo classico.

                  Insomma: se ha quei legni, quella scala (25.5 pollici), e i single coil messi il quel modo, è una strato e suonerà come tale.

                  Poi è tutta questione di quanta qualità c'è nel singolo componente, dai legni ai potenziometri ai pick up. Non c'è nessuna magia dietro, solo misure, forme ed elettronica
                  Nessun dubbio su quanto da te espresso: scala, posizione/tipologia pickup e aggiungerei assolutamente la logica costruttiva del manico (bolt on nel caso Fender) sono determinanti nella resa finale di una chitarra e ancora nessun dubbio sul fatto che un costruttore X, seguendo rigorosamente determinati standard, possa arrivare al "clone perfetto".
                  Il fatto è che, secondo me (nel caso dell'Ibanez, ma che potrebbe essere applicato anche ad altri marchi), non ci sia proprio l'intenzione di farlo; Io vedo l'AZ più come uno strumento fortemente basato sulla strato, ma non un suo emule, una "reinterpretazione" della Stratocaster ecco

                  Commenta


                  • #10
                    Citazione da andream Visualizza il messaggio
                    Se veramente non hai pregiudizi e vuoi limitare spesa / sbattimenti magari guarda una buona vecchia Pacifica
                    Come sempre i pick up sono una scelta personale.

                    Io eviterei le squier-fender giappo vecchie, l'elettronica era pessima e facile che siano da ritastare.
                    La pacifica è una chitarra onesta, che diversi anni fa ero stato anche vicino a prendere; Non so adesso come sia composta la serie, ma all'epoca ne girava una in configurazione H-S-S, pickup Seymour Duncan e tremolo Wilkinson in una colorazione tipo aqua marine davvero bella.

                    Però adesso non saprei, non mi attira particolarmente

                    Commenta


                    • #11
                      Si hai ragione

                      ho citato quegli strumenti perché li conosco bene: la Godin Progression Plus la possiedo. Fatta in nord america con legni scelti, trovo che abbia una qualità superiore a qualsiasi American Standard (non pimpata) su cui abbia mai messo le mani, di certo superiore a qualsiasi clone messicano o asiatico realizzato a basso costo. La cura costruttiva e i materiali sono nettamente superiori a quelli di chitarre dello stesso prezzo, e anche di strumenti superiori. La citata Yamaha Pacifica, che comunque possiedo ed è sicuramente una buona stratoide, non regge il confronto, perlomeno parlando di modelli in produzione, anche se sull'usato si trovano Pacifica di vecchia produzione molto molto belle (più superstrat però). Sul nuovo attuale, anche la Pacifica 611 non regge il confronto, ed è comunque più una superstrat

                      La Ibanez AZ invece ce l'ha una mia allieva, e la vedo e sento in azione ogni settimana. L'ho suonata più volte, e a livello di suono mi pare proprio consona. È molto comoda e i 5 suoni "classici" vengono fuori tutti dal selettore a 5 posizioni: ovviamente ha un humbucker al ponte, quindi se quello per te è un problema, effettivamente non è indicata. Ma a parte quello delle varie Ibanez superstrat questa è nettamente la più simile al progetto classico originale. Non è identico ovviamente, ma ci si avvicina davvero molto con un ottima qualità e prezzo.

                      Credo sia un unicum nella produzione Ibanez, perchè inseme alla Talman prestige che sarebbe una Tele sono gli unici due progetti con riferimenti così ai classici

                      Commenta


                      • #12
                        Quando si associano aggettivi come "versatile" o "moderna" a una Stratocaster, significa due cose: la presenza di uno o più humbucker, la presenza di un ponte tipo Kallham, Gotoh, Floyd Rose.

                        Se uno vuole una Stratocaster fedele al progetto originale, se vuole una chitarra che ricalchi le intenzioni di Leo Fender, queste due cose non vanno bene perchè vanno a distruggere i due pilastri su cui si fonda la tipologia Stratocaster ovvero triplo single coil e ponte Fender 6 viti.
                        Diventa un'altra cosa, come la classica Stratocaster HSS che suona dal blues fino al metal senza problemi, oppure la Superstrat (Charvel, Jackson) con cui fare shred e divebombs.
                        E' per questo che a Fugu tutte queste rivisitazioni canadesi e giapponesi non sfagiolano più di tanto. Lui vuole una Stratocaster old-school, il suono cristallino e sferragliante della Strato, anche perchè se non ricordo male ha già delle chitarre moderne (sbaglio o l'anno scorso hai preso una Jackson RR24?) e forse anche qualche Superstrat.
                        Su questo punto è stato chiarissimo, ha detto che vuole una SSS.
                        Anche per questo gli ho buttato lì come battuta le Tom Anderson, perchè se uno vuole una Strato fedele in tutto e per tutto all'originale e non ha limiti di budget, Tom Anderson è uno dei nomi da tenere in considerazione insieme a Suhr.
                        Fermo restando che Godin fa belle chitarre, ho avuto modo di suonarne una o due in negozio, ma non erano Strato SSS. Erano un'altra cosa, delle rivisitazioni moderne che avevano in comune con la Strato solo la doppia spalla mancante.
                        Citazione da Vigilius
                        una volta le cose vecchie erano vecchie e basta, non vintage

                        Commenta


                        • #13
                          Citazione da MarianoC Visualizza il messaggio
                          Si hai ragione

                          ho citato quegli strumenti perché li conosco bene: la Godin Progression Plus la possiedo. Fatta in nord america con legni scelti, trovo che abbia una qualità superiore a qualsiasi American Standard (non pimpata) su cui abbia mai messo le mani, di certo superiore a qualsiasi clone messicano o asiatico realizzato a basso costo. La cura costruttiva e i materiali sono nettamente superiori a quelli di chitarre dello stesso prezzo, e anche di strumenti superiori. La citata Yamaha Pacifica, che comunque possiedo ed è sicuramente una buona stratoide, non regge il confronto, perlomeno parlando di modelli in produzione, anche se sull'usato si trovano Pacifica di vecchia produzione molto molto belle (più superstrat però). Sul nuovo attuale, anche la Pacifica 611 non regge il confronto, ed è comunque più una superstrat

                          La Ibanez AZ invece ce l'ha una mia allieva, e la vedo e sento in azione ogni settimana. L'ho suonata più volte, e a livello di suono mi pare proprio consona. È molto comoda e i 5 suoni "classici" vengono fuori tutti dal selettore a 5 posizioni: ovviamente ha un humbucker al ponte, quindi se quello per te è un problema, effettivamente non è indicata. Ma a parte quello delle varie Ibanez superstrat questa è nettamente la più simile al progetto classico originale. Non è identico ovviamente, ma ci si avvicina davvero molto con un ottima qualità e prezzo.

                          Credo sia un unicum nella produzione Ibanez, perchè inseme alla Talman prestige che sarebbe una Tele sono gli unici due progetti con riferimenti così ai classici


                          Citazione da VSmolsky Visualizza il messaggio
                          Quando si associano aggettivi come "versatile" o "moderna" a una Stratocaster, significa due cose: la presenza di uno o più humbucker, la presenza di un ponte tipo Kallham, Gotoh, Floyd Rose.

                          Se uno vuole una Stratocaster fedele al progetto originale, se vuole una chitarra che ricalchi le intenzioni di Leo Fender, queste due cose non vanno bene perchè vanno a distruggere i due pilastri su cui si fonda la tipologia Stratocaster ovvero triplo single coil e ponte Fender 6 viti.
                          Diventa un'altra cosa, come la classica Stratocaster HSS che suona dal blues fino al metal senza problemi, oppure la Superstrat (Charvel, Jackson) con cui fare shred e divebombs.
                          E' per questo che a Fugu tutte queste rivisitazioni canadesi e giapponesi non sfagiolano più di tanto. Lui vuole una Stratocaster old-school, il suono cristallino e sferragliante della Strato, anche perchè se non ricordo male ha già delle chitarre moderne (sbaglio o l'anno scorso hai preso una Jackson RR24?) e forse anche qualche Superstrat.
                          Su questo punto è stato chiarissimo, ha detto che vuole una SSS.
                          Anche per questo gli ho buttato lì come battuta le Tom Anderson, perchè se uno vuole una Strato fedele in tutto e per tutto all'originale e non ha limiti di budget, Tom Anderson è uno dei nomi da tenere in considerazione insieme a Suhr.
                          Fermo restando che Godin fa belle chitarre, ho avuto modo di suonarne una o due in negozio, ma non erano Strato SSS. Erano un'altra cosa, delle rivisitazioni moderne che avevano in comune con la Strato solo la doppia spalla mancante.
                          Sono stato a curiosare un pò su queste Godin e devo ammettere che, almeno per quanto visto, sono chitarre che sembrano avere una spiccata qualità (soprattutto la serie progression) che non mi aspettavo; Il punto, che Vsmolsy credo abbia centrato e sintetizzato meglio di me, resta un pò questo:

                          Se io non avessi altre chitarre non sceglierei MAI una Stratocaster "nuda e cruda" come mio strumento di punta; Ragionando per un attimo senza tener conto dei relativi prezzi, andrei dritto sulle sopraccitate (forse con una certa preferenza per la serie AZ che già "seguo" da un pò) perchè le reputo, quantomeno concettualmente, migliori: Costruzione moderna, elettronica enormemente versatile, hardware preciso....

                          Però come ricorda bene VSmolsky ho una EVH Striped Series che per l'appunto è la quintessenza della Superstrat anni 80 (Colorazione da ignorante, Floyd Rose, mono Humbucker scostumato e D-Tuna), una RR5 Made in Japan (che però sacrificherò proprio per far spazio alla Strato/Tele o non so che diavolo sarà) ed una bellissima Gibson Flying V con la quale mi farò seppellire quando morirò

                          Sono quindi nella posizione di poter non scendere a compromessi ed entrare a gambatesa su di una chitarra che in una altra situazione sarebbe potuta essere "restrittiva".

                          P.S.: In un solo post mi sono reso conto di usare troppe volte le parentesi, il virgolettato e le chitarre tamarre

                          Commenta


                          • #14
                            oppure una bella cutlass music man / sterling

                            https://intl.sterlingbymusicman.com/pages/cutlass-sss
                            Chitarrista dei Mercato Nero e Prototape

                            Commenta


                            • #15
                              Citazione da Alex.Tomasi Visualizza il messaggio
                              oppure una bella cutlass music man / sterling

                              https://intl.sterlingbymusicman.com/pages/cutlass-sss
                              Altra bellissima chitarra, ma non ci siamo

                              Comunque quasi sicuramente sabato andrò in un negozio che si trova ad una 40ina di km da dove abito, piccolino ma ben fornito; Dentro ha un pò tutto sia della serie Player, della Vintera e dell'artiglieria pesante (American Professional, Elite, Performer e Custom Shop ); C'è anche qualche Ibanez AZ.

                              Mi faccio un giro un pò su tutto, chiedendogli se mi fa provare anche qualche Fender seria, giusto per avere un termine di paragone; Vi tengo aggiornati

                              Commenta

                              240x200 Colonna destra - Post

                              Comprimi

                              240x90 - Colonna Destra

                              Comprimi

                              240x480 - Colonna Destra Post

                              Comprimi

                              240x48

                              Comprimi

                              240x90

                              Comprimi

                              240x340

                              Comprimi

                              Footer 728x90

                              Comprimi
                              Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
                              X