728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Clarinetto tanto per provare

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Clarinetto tanto per provare

    Allora diciamo che non e' che abbia tutto questo bisogno di cercami nuovi strumenti, pero' non ho mai mai suonato dei fiati e' c'e' la pausa forzata per coronavirus 8)

    Suonando i miei sinth mi sta piacendo il Clarinetto come range espressivo, vedo che su thomann strumenti relativamente economici...
    La domanda e': sapete dirmi se e' uno strumento particolarmente difficile da affrontare (facendo conto che leggo e suono e sono "intonato") e se con uno strumento base si puo' riuscire a suonare qualcosa tipo questo (cioe' avere un minimo di controllo, fare quel wha wha) ?

    C'e' qualcosa di devastante che dovrei sapere prima? Non ho problemi se suona i Si bemolle, ma c'e' da saper fare ance strane, qualche folle manutenzione, qualche acrobatismo particolare...

  • #2
    Citazione da andream Visualizza il messaggio
    ... strumento particolarmente difficile da affrontare ...
    Saprai sicuramente che è uno strumento "traspositore". A me farebbe un po' paura questa cosa, ma tu sei sicuramente abbastanza preparato per affrontarla..

    Commenta


    • #3
      Si e' in Si b, ma gia' ora tutta la musica che suoni che contempla parti per strumenti analoghi e' in quella chiave quindi sono abituato a suonarla cosi'. Anche il Eb non dovrebbe essere drammatico, su una scala minore suoni in C.

      Commenta


      • #4
        Ciao
        Non ho capito se sei alla ricerca di sonorità (espressività) tipiche dei fiati con la chitarra, oppure se vuoi approcciarti allo strumento Clarinetto.
        Nel primo caso qualche dritta elementare, credo di averla.
        Nel secondo caso, che dire: auguri!
        I fiati hanno la reputazione di essere molto impegnativi, soprattutto all'inizio, ma credo tu già lo sappia

        Commenta


        • #5
          Chiatarra? Ma no...
          Io stavo provando quelle sonorita' con dei sint, e visto che le sto trovando molto interessanti (dinamica e alterazioni, glissando, growl) ed espressive mi e' venuto il pallino di comprarmi come prossimo giocattolo un clarinetto.
          Il sax non mi interessa, il flauto traverso mi sempra piu' piatto, gli altri sono troppo costosi...

          Mi spaventa un po' la questione dell'ancia, mi fa schifo lo "sputacchio" (motivo per cui sono sempre stato lontano dai fiati dopo l'esperienza della melodica obbligatoria alla scuola media), magari c'e' da brigare anche per il "bocchino" nel senso di dover comprare un c4 della Yamaha per riuscire a tenerlo intonato.

          Poi se ti va di parlare di espressivita' o timbriche particolari con la chitarra magari troviamo qualche idea da scambiarci...

          Commenta


          • #6
            Citazione da andream Visualizza il messaggio
            Poi se ti va di parlare di espressivita' o timbriche particolari con la chitarra magari troviamo qualche idea da scambiarci...
            Se ci sarà occasione volentieri.

            Io mi riferivo appunto alla chitarra.
            A.Holdsworth si riteneva un saxofonista mancato e spesso ricorreva a tecnica e miscele di effetti vari (non synth) per emularli.

            Commenta


            • #7
              Ha si le tecniche mi interessano!
              Tratti caratteristici tipi dello strumento, passaggi ricorrenti, come usano gli effetti.
              Anche degli spartiti semplici di cui sia disponibile la resa sonora e ci sia magari una descrizione delle articolazioni fatte. Ad es con gli archi ho risuonato gli esercizi di base per violino per valutare i passaggi tra le corde e i legati...

              Commenta


              • #8
                La tecnica di A.H. è basata sui legati, proprio per cercare un attacco delicato tipico dei fiati (o degli archi).
                Con gli hammer-on ci si può arrivare, ma con i pull-off è un'altro livello di complessità.
                H. inventò un metodo che gli consentiva di evitare lo strappo verso il basso, sostituendolo con un'altro hammer-on sincronizzato.
                Se ti interessa c'è un po' di materiale.

                Per l'aspetto sound c'è anche un articolo della redazione in merito.
                Non sono esperto di effetti, ma posso dirti cosa usava. A dir suo la ricetta base nasceva da due stereo digital delay della Yamaha, che già quando uscì l'articolo erano fuori produzione (era disperato).
                In certi suoni apparentemente distorti, invece, usava spesso la sovrapposizione di 3 chorus per canale stereo, sfasati fra loro. Qualche anno fa trovai dei settaggi relativi e lo provai con Amplitube. Originale!

                Commenta


                • #9
                  Thanks, stavo guardanodo un video: https://www.youtube.com/watch?v=VMsuMGbWNU4
                  con spiegata la sua tecnica. Mi sembra comunque molto chitarristica, guardando la diteggiatura.

                  Io per i glissando penso di aver risolto, almeno il primo esempio mi sembra accettabile. Devo trovare un modo per introdurre i formanti o quel wha wha senza andare a modificare l'ampiezza (il 2nd esempio), mi sa che dovrei sbatterlo direttamente su un pedale di espressione e amen,

                  Commenta


                  • #10
                    Citazione da andream Visualizza il messaggio
                    Mi sembra comunque molto chitarristica, guardando la diteggiatura.
                    Mi riferivo a 1:23



                    Guthrie con le mani mima quello che io ho definito "sincronizzato".

                    Uno dei pochi che riesce a emularlo è Brett Garsed a 8:05


                    Commenta


                    • #11
                      Bho, pero' mi sembra una problematica prettamente chitarristica, se hai un tizio che suona tipo "Moon over Bourbon street" o "Sister moon" e ha qualche consiglio su come richiamare le tonalita' di un clarinetto...

                      BTW: i miei suoni sono senza nessun effetto, manco il reverb.

                      Commenta


                      • #12
                        Citazione da Brummell Visualizza il messaggio
                        Io mi riferivo appunto alla chitarra.
                        A.Holdsworth si riteneva un saxofonista mancato e spesso ricorreva a tecnica e miscele di effetti vari (non synth) per emularli.
                        Citazione da andream Visualizza il messaggio
                        Ha si le tecniche mi interessano!
                        Tratti caratteristici tipi dello strumento, passaggi ricorrenti, come usano gli effetti.
                        Anche degli spartiti semplici di cui sia disponibile la resa sonora e ci sia magari una descrizione delle articolazioni fatte. Ad es con gli archi ho risuonato gli esercizi di base per violino per valutare i passaggi tra le corde e i legati...
                        Bho, pero' mi sembra una problematica prettamente chitarristica
                        Sembra che non ci capiamo.
                        Perdona se ho postato a sproposito

                        Commenta


                        • #13
                          He purtroppo mi sa che l'approccio sia completamente diverso: per il suono io lo costruisco da zero mentre i chitarristi aggiungono modulazioni e effetti... Per altro e' un bel casino cercare dei glissando - glide morbidi su uno strumento temprato (la chitarra). Io questo problema non ce l'ho essendo microtonale.

                          Commenta


                          • #14
                            Ciao, escludendo il fatto che è uno strumento in si bemolle che se suoni da solo non credo sia un grande problema non dovrebbe essere troppo impegnativo come strumento (per fare cose abbastanza base, per tecniche avanzate sono difficili tutti gli strumenti) in confronto ad altri fiati come tromba o sassofono (esperienza personale) che richiedono tra l'altro anche un modesto ammontare di fiato cosa che con il clarinetto non dovrebbe essere un grande problema

                            Commenta


                            • #15
                              Bho mi sta un po' passando la voglia di prenderne uno vero, tutti mi sconsigliano quelli base in plastica, uno usato mi fa un po' schifo e saranno 350e... Quello base sembra che potrebbe avere problemi al bocchino tali da renderlo insuonabile, potrebbe finire che son 200e buttati. Con 100e ci compro un blocco per avere un controllo XY su tutti gli strumenti synth ;)

                              Commenta

                              240x200 Colonna destra - Post

                              Comprimi

                              240x90 - Colonna Destra

                              Comprimi

                              240x480 - Colonna Destra Post

                              Comprimi

                              240x48

                              Comprimi

                              240x90

                              Comprimi

                              240x340

                              Comprimi

                              Footer 728x90

                              Comprimi
                              Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
                              X