728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Parere esterno sull'utilizzo di tracce nei live?

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Parere esterno sull'utilizzo di tracce nei live?

    Intanto mi scuso perchè non so quale possa essere la sezione più adatta. Il titolo è un po' forviante, adesso vi spiego facendo una premessa: sono in una band (sono cantante e chitarrista) ma ci sono alcune dinamiche che lascerebbero pensare che non possa durare troppo e al di là di varie paranoie mi sono detto che non voglio sentirmi dipendere dalla presenza o meno delle altre persone (anche se per me fare musica con un gruppo sarebbe di gran lunga meglio sotto molti aspetti).

    Ho intenzione di buttarmi totalmente sulla musica, ovviamente lavorando in parallelo (perchè i miei non mi mantengono per non fare nulla ovviamente) ma con l'obbiettivo di arrivare un giorno a vivere (vivere inteso sopravvivere) di musica, e so che è un rischio enorme da prendere, che la riuscita di tutto ciò è molto molto improbabile, ma per me è la cosa più importante in assoluto, e sto veramente facendo di tutto per poterci arrivare.
    Il fatto è che capisco che non tutti sono disposti a fare quello che voglio fare io, e non perchè io sia speciale o qualcosa del genere ma perchè probabilmente è più sano per se stessi scegliere altre strade, è più capibile che una persona voglia andare sul sicuro nella vita. Per questo trovare persone con cui fare una band seriamente è davvero davvero difficile. Per non dire che un altro aspetto importante tanto quello è trovare gente che sia sulla tua stessa linea di genere musicale.

    Detto questo ho messo le mani avanti e ho pensato che se dovessi rimanere da solo, a meno che poi non trovo altra gente (senza perderci l'anima come ho fatto negli ultimi mesi), dovrei fare tutto da solo, e siccome non faccio un genere che prevede pianoforte/chitarra e voce avrei bisogno di lanciare tracce che hanno già drum machine mischiate a batterie acustiche (o solo drum machine), elettronica con synth e altri suoni, e poi live suonare uno strumento e cantare.

    La domanda di questo post è la seguente: Come è vista secondo voi una situazione del genere in cui vedete un ragazzo nel palco con il computer collegato al mixer che lancia tracce, suona uno strumento e canta?

    Girano voci che qua dalle mie parti in Toscana sia visto male soprattutto nei contest non avere musicisti che suonano strumenti ma lanciano tracce. So già che alcuni di voi mi diranno che devo fare quello che mi sento di fare e che mi piace fare, ed è quello che farò perchè se voglio fare musica e non trovo gente con cui suonare mi rimane solo la via di suonare da solo e siccome non mi voglio accontentare di quello che suono con un solo strumento devo usare il computer con tracce pronte. Però sono curioso di avere un parere esterno su come potrebbe essere vista anche da altre persone.

  • #2
    Ciao,
    hai toccato un punto sicuramente sensibile. Da un lato le possibilità di performare (chiedo venia per l'anglicismo ma non sapevo dirlo meglio) dal vivo in solitaria avvalendosi di supporti esterni sono ormai molto avanzate anche in termini di resa, dall'altro va detto che questo tipo di performance può lasciare nei confronti dello spettatore un certo "sapore di karaoke" se non gestita a dovere.

    Dei contest mi preoccuperei il giusto: se ti costruisci una buona immagine, le basi sono professionali e riesci a raggiungere un ottimo grado di confidenza con questo genere di esibizione, allora la valutazione non verrà particolarmente inficiata dal fatto che ti presenti in solitaria; fermo restando che questi eventi portano sbocchi importanti solo ai pochissimi che arrivano fino in fondo, a fronte di una proposta che è invece vastissima (al di là dei meriti oggettivi c'è veramente tanta gente che partecipa).

    È un concetto che dal vivo dovrebbe avere una valenza analoga, ma personalmente posso dirti che se il musicista è valido mi impressiona anche se canta e suona uno strumento col supporto delle basi; ovviamente devo trovare interessante il prodotto finale, oltre al modo in cui viene presentato

    E questo ci porta all'ultimo punto del mio pensiero: certi generi si prestano molto a questo tipo di proposta, altri decisamente no.
    Ad esempio è complesso e poco efficace fare a meno del batterista live se il tuo repertorio è composto di musica hard rock... viceversa va decisamente meglio se il tuo prodotto ha un taglio più elettronico/cantautoriale, se ne vedono parecchi in giro in quello che attualmente viene definito indie, può piacere o meno ma in molti casi il risultato è credibile.

    A ogni modo resterei possibilista riguardo una band: si prendono tante delusioni e anche qualche fregatura, lo so bene... ma non si sa mai cosa troviamo dietro l'angolo, essere aperti ed elastici può pagare
    Regolamento Musicoff Forum - Come funziona il Forum - Tutta la verità su Musicoff

    Gli altri canali della community
    YouTubeFacebookInstagramTwitter

    Commenta


    • #3
      Se la tua idea è seria e a lungo termine, ovvero vivere di musica, perchè non inizi a pensare di fare si le cose da solo, ma invece che con le basi usando dei looper come Ableton Live e suonando magari anche un pò di basso e tastiera. Mi vengono in mente cose del genere, dove puoi costruire i tuoi pezzi suonando live e senza dare quell'idea "karaoke" a cui appunto si accennava nel messaggio precedente




      C'è da studiare per riuscire così bene, ma risulta molto più interessante che usare le basi. Io mi sto attrezzando per arrivare a fare performance del genere, se tu suoni e canti potrebbero nascere cose molto interessanti

      Commenta


      • #4
        Il fattore che avete tirato in ballo 5corde MarianoC è esattamente la cosa di cui ho più paura: che passi come un karaoke.

        Allora vi provo a spiegare quale è il genere che ho in mente e che sta venendo su con la band. Io ho un modo di cantare, di scrivere testi e mettere linee vocali molto simile a Tom Yorke, cantante dei Radiohead, Atoms for peace, e solista (non voglio fare nessun paragone assurdo tra me e lui, non mi metterei mai ad un livello del genere, dico solo che in quello che faccio io si sente molto la sua influenza) , tuttavia il timbro è diverso, è meno delicato del suo più accostabile ad un cantato come quello di Le Vibrazioni a parere mio (altri mi accostano al timbro dei Negramaro, Renga o Verdena ma non condivido) e questo credo sia per il fatto che utilizzo soffiati, cry (lamentii con la voce), e vibrati, tutti fatti per puro caso ovviamente, devo imparare a controllarli Ah ovviamente canto in italiano.

        Le progressioni di accordi che scrivo sono studiate nell'armonia, non sono 4 accordi scontati, e difficilmente scrivo strutture fatte di strofa ritornello strofa bridge ritornello (per capirci al volo). Non voglio attaccare nessuna persona che ama scrive canzoni con 4 accordi, solo che non si rifà minimamente ai miei gusti.

        Quello che vorrei che apparisse sarebbe una cosa simile ai concerti che fa ora Tom Yorke da solo (o affiancato da qualche produttore) oppure come fanno i Ratatat dove fanno tutta musica strumentale con le basi costruite da loro, e ovviamente tutto sembra tranne che un karaoke. Quindi vorrei cercare di capire in primis perchè i loro live non risultano karaoke.

        Detto questo per il progetto che ho in mente non si tratterebbe di fare tutti i pezzi con le basi ma anche alcuni con voce e chitarra e altri voce e piano probabilmente. Già utilizzo un pedal loop per un altro gruppo in cui sono chitarrista acustico e ho alcuni pezzi miei fatti solo con la loop, quindi sicuramente un idea potrebbe essere quella di utilizzare anche il pedale del loop... magari per rifare uno dei miei pezzi in versione "live con loop"

        Usare delle loop su ableton mi limiterebbe tanto perchè alla fine nel genere che ho in mente io comunque ci sarebbero diversi cambi da fare sia nelle dinamiche sia nelle sonorità, però ti ringrazio MarianoC per l'idea magari ne tengo di conto.

        Quindi questo credo sia il punto: suonare live da solo non risultando in un karaoke.


        PS: rispondendo a 5corde ovviamente preferisco avere un gruppo, e se è possibile voglio continuare con questi ragazzi più che posso, ma ripeto che sono ben cosciente che la strada che ho scelto è una cosa che richiede tanti sforzi (magari più di quelli che sto mettendo in conto io) e nessuna sicurezza di riuscita. Quindi magari pensavo di farmi qualche idea su una possibile alternativa.

        Commenta


        • #5
          Quello che potrebbe farti molto comodo a mio avviso è assistere dal punto più vicino possibile a performance di artisti che rientrano nel tuo target.
          Essendo pressochè impossibile farlo col buon Thom Yorke (magari ), al posto tuo cercherei di entrare in contatto (non necessariamente diretto, basta seguire sulle varie piattaforme) una serie di artisti italiani (visto che è la lingua in cui ti esprimi) di riferimento, per poterli ascoltare dal vivo nelle loro performance.

          Si tratta ovviamente di un investimento, soprattutto se non vivi in una zona di grande passaggio, ma sono sicuro che ne valga davvero la pena: è sul confronto diretto che riusciamo a farci un'idea del come e del perchè, molto migliore dell'ascoltare/osservare da un monitor

          L'idea del live looping che ti ha suggerito Mariano è gettonatissima (questa ragazza ad esempio ci sta tirando alla grande), ti consiglio anch'io di tenerla in considerazione anche se comunque non nel breve termine perchè richiede un'elevata padronanza per poter essere messa in pratica in maniera impeccabile
          Regolamento Musicoff Forum - Come funziona il Forum - Tutta la verità su Musicoff

          Gli altri canali della community
          YouTubeFacebookInstagramTwitter

          Commenta


          • #6
            Citazione da Luuke Visualizza il messaggio
            Il fattore che avete tirato in ballo 5corde MarianoC è esattamente la cosa di cui ho più paura: che passi come un karaoke.

            Allora vi provo a spiegare quale è il genere che ho in mente e che sta venendo su con la band. Io ho un modo di cantare, di scrivere testi e mettere linee vocali molto simile a Tom Yorke, cantante dei Radiohead, Atoms for peace, e solista (non voglio fare nessun paragone assurdo tra me e lui, non mi metterei mai ad un livello del genere, dico solo che in quello che faccio io si sente molto la sua influenza) , tuttavia il timbro è diverso, è meno delicato del suo più accostabile ad un cantato come quello di Le Vibrazioni a parere mio (altri mi accostano al timbro dei Negramaro, Renga o Verdena ma non condivido) e questo credo sia per il fatto che utilizzo soffiati, cry (lamentii con la voce), e vibrati, tutti fatti per puro caso ovviamente, devo imparare a controllarli Ah ovviamente canto in italiano.

            Le progressioni di accordi che scrivo sono studiate nell'armonia, non sono 4 accordi scontati, e difficilmente scrivo strutture fatte di strofa ritornello strofa bridge ritornello (per capirci al volo). Non voglio attaccare nessuna persona che ama scrive canzoni con 4 accordi, solo che non si rifà minimamente ai miei gusti.

            Quello che vorrei che apparisse sarebbe una cosa simile ai concerti che fa ora Tom Yorke da solo (o affiancato da qualche produttore) oppure come fanno i Ratatat dove fanno tutta musica strumentale con le basi costruite da loro, e ovviamente tutto sembra tranne che un karaoke. Quindi vorrei cercare di capire in primis perchè i loro live non risultano karaoke.

            Detto questo per il progetto che ho in mente non si tratterebbe di fare tutti i pezzi con le basi ma anche alcuni con voce e chitarra e altri voce e piano probabilmente. Già utilizzo un pedal loop per un altro gruppo in cui sono chitarrista acustico e ho alcuni pezzi miei fatti solo con la loop, quindi sicuramente un idea potrebbe essere quella di utilizzare anche il pedale del loop... magari per rifare uno dei miei pezzi in versione "live con loop"

            Usare delle loop su ableton mi limiterebbe tanto perchè alla fine nel genere che ho in mente io comunque ci sarebbero diversi cambi da fare sia nelle dinamiche sia nelle sonorità, però ti ringrazio MarianoC per l'idea magari ne tengo di conto.

            Quindi questo credo sia il punto: suonare live da solo non risultando in un karaoke.


            PS: rispondendo a 5corde ovviamente preferisco avere un gruppo, e se è possibile voglio continuare con questi ragazzi più che posso, ma ripeto che sono ben cosciente che la strada che ho scelto è una cosa che richiede tanti sforzi (magari più di quelli che sto mettendo in conto io) e nessuna sicurezza di riuscita. Quindi magari pensavo di farmi qualche idea su una possibile alternativa.
            Mi piacerebbe sentire qualcosa

            Commenta


            • #7
              5corde Non conosco nessun italiano sinceramente che faccia musica in quel modo, se hai qualche nome mi farebbe un sacco piacere. Poi un altro fatto è che in generale l'italiano come viene cantato ora mi piace poco, andare a vedermi un live intero di un italiano che canta in modo che non mi piace non so quanto possa essere piacevole al di là poi della utilità. Comunque è un buon consiglio, se ne conosco qualcuno potrei cercare di "studiarli" o magari se non sono troppo famosi posso provare a contattarli.

              In generale tutti gli artisti che nascono come solisti, appena cercano case discografiche vengono subito affiancati da turnisti che in molti casi diventano parte della band (anche se poi il nome rimane quello dell'artista). Per questo è difficile trovare persone che fanno questo

              Fugu Mi farebbe un piacere infinito condividere con voi quello che stiamo tirando su, però come dissi in un altro post ho paura di condividere idee che ancora non hanno copyright e non sono state registrate. So che è assurdo, e che in pochi si permetterebbero una viscidezza simile, però come disse 5corde è una sorta di "protezione della propria creatività". Comunque vedo come andranno le cose nei prossimi mesi, perchè ad esempio i primi live (se li faremo con questo gruppo) saranno sicuramente con pezzi nostri che ancora non abbiamo registrato alla siae o simili anche perchè tutti i gruppi all'inizio si affacciano sul mondo della musica senza avere ancora registrato seriamente un ep e averlo mandato alla siae per il copyright. In caso appena posso ti invio, anche in privato quello che facciamo sicuramente un parere che non sia dato da persone che mi conoscono mi farebbe moltissimo piacere.

              Ovviamente mi sono accostato a questi grandi gruppi ma sono miei pareri, non assicuro niente ahahah
              Tutte le persone che mi hanno sentito cantare mi hanno accostato proprio a Tom Yorke nel genere di canto, però non so se tutti percepiscano la cosa allo stesso modo, dato anche che comunque il mio rimane italiano

              Commenta


              • #8
                Citazione da Luuke Visualizza il messaggio
                Non conosco nessun italiano sinceramente che faccia musica in quel modo, se hai qualche nome mi farebbe un sacco piacere.
                Vorrei poterti aiutare, ma ho davvero una scarsa conoscenza dell'ambito underground (a onor del vero ascolto pochissima musica contemporanea in generale), ci vorrebbe qualche appassionato a livelli geek del ramo
                Regolamento Musicoff Forum - Come funziona il Forum - Tutta la verità su Musicoff

                Gli altri canali della community
                YouTubeFacebookInstagramTwitter

                Commenta


                • #9
                  Citazione da Luuke Visualizza il messaggio
                  5corde

                  Fugu Mi farebbe un piacere infinito condividere con voi quello che stiamo tirando su, però come dissi in un altro post ho paura di condividere idee che ancora non hanno copyright e non sono state registrate. So che è assurdo, e che in pochi si permetterebbero una viscidezza simile, però come disse 5corde è una sorta di "protezione della propria creatività". Comunque vedo come andranno le cose nei prossimi mesi, perchè ad esempio i primi live (se li faremo con questo gruppo) saranno sicuramente con pezzi nostri che ancora non abbiamo registrato alla siae o simili anche perchè tutti i gruppi all'inizio si affacciano sul mondo della musica senza avere ancora registrato seriamente un ep e averlo mandato alla siae per il copyright. In caso appena posso ti invio, anche in privato quello che facciamo sicuramente un parere che non sia dato da persone che mi conoscono mi farebbe moltissimo piacere.

                  Ovviamente mi sono accostato a questi grandi gruppi ma sono miei pareri, non assicuro niente ahahah
                  Tutte le persone che mi hanno sentito cantare mi hanno accostato proprio a Tom Yorke nel genere di canto, però non so se tutti percepiscano la cosa allo stesso modo, dato anche che comunque il mio rimane italiano
                  Tranquillo nessun problema, quando vorrai ascolterò con piacere qualcosa

                  Ritornando in topic, come ti dissi "qualche post fa", la discriminante è sempre la qualità di ciò che si fa; Io non avrei proprio alcun problema ad ascoltare un artista che utilizza basi, campionature, looper e simili se ciò che mi fa ascoltare è di qualità ed originale.

                  Anzi forse al giorno d'oggi questa tipologia di progetti riscuote più attenzione della classica formazione Hard Rock che spacca i timpani in birreria (senza offesa alcuna, se io mai dovessi fare un live appartengo a questa categoria )

                  Commenta


                  • #10
                    Quello che faccio non è proprio underground a parere mio. C'è una ricercatezza ma c'è una certa orecchiabilità, è pure difficile da identificare perchè a parere mio sia nel panorama delle major che nel panorama dell'indipendente (il vero indipendente, non il genere indie italiano) sarei considerato fuori. Diciamo che è a metà tra i due almeno per come la sento io. Comunque appena sono tranquillo nel condividere le nostre cose vi farò sentire così potrò accogliere il parere anche di musicisti che non conosco!

                    Commenta


                    • #11
                      Serena Brancale a volte si esibisce così, con basi, batteria elettronica suonata sul momento, piano e/o tastiera, ed è una bomba.







                      Commenta


                      • #12
                        Esibirsi "dal vivo" esprime proprio il concetto di qualcuno che suona, quindi, più strumenti registrati ci sono e meno l'esibizione assomiglierà ad un live.

                        Diciamo che già serebbe diverso fatto in un contesto busker o in un video da condividere sui social che hanno la prerogativa di manifestare un talento, però se fai pezzi tuoi, giustamente, potrebbero passare in secondo piano visto che l'attenzione sarebbe catalizzata sul TU musicista, piuttosto che compositore.

                        Non so se mi sono spiegato bene
                        Regolamento Musicoff Forum - Come funziona il Forum - Tutta la verità su Musicoff

                        Gli altri canali della community
                        YouTubeFacebookInstagramTwitter

                        Commenta


                        • #13
                          Citazione da MarianoC Visualizza il messaggio
                          Serena Brancale a volte si esibisce così, con basi, batteria elettronica suonata sul momento, piano e/o tastiera, ed è una bomba.
                          Quoto, veramente brava e sicuramente un bel punto di riferimento
                          Ricordavo di aver redatto qualcosa per il nostro portale, e infatti ecco qui
                          Regolamento Musicoff Forum - Come funziona il Forum - Tutta la verità su Musicoff

                          Gli altri canali della community
                          YouTubeFacebookInstagramTwitter

                          Commenta


                          • #14
                            La sensazione del "karaoke" si potrebbe avere nel momento in cui fai partire una base salvata sul tuo PC, e inizi a cantarci e suonarci sopra.

                            Ben diverso invece è il caso in cui ti presenti al pubblico come "looping artist", cioè persona in grado registrare sul momento la sua base aggiungendo vari layers uno sopra l'altro (basso, batteria, chitarra, armonizzazione chitarra, tastiera), e poi iniziare a cantare e suonare.

                            Due esempi tra i tanti






                            Se ti muovi in questa direzione, la sensazione "karaoke" è scongiurata e la tua performance ne guadagna in originalità e modernità, visto che i looping artists sono fenomeno recente, ancora sul nascere, mentre di quartetti rock con batterista, bassista, 2 chitarre, se ne sono visti a milioni.

                            E se ti trovassi un compagno d'avventura, anche uno solo, (far andare d'accordo 2 teste è molto più facile che farne andare d'accordo 4), ti si aprirebbero possibilità creative inimmaginabili. Tu chitarre, basso, voce, lui tastiere, drum machine, voce. Se sapete come organizzarvi, potete avere lo stesso impatto di una orchestra.
                            Citazione da Vigilius
                            una volta le cose vecchie erano vecchie e basta, non vintage

                            Commenta


                            • #15
                              Il problema principale è che io non posso fare pezzi mettendo in loop delle parti. Suono chitarre, pianoforte e canto ma non ho mai suonato la batteria e credo proprio che non sia il mio strumento e non ho grosse capacità nella creazione di percussioni però i pezzi che creo hanno diverse sezioni, diverse progressioni accordi, di conseguenza per dare tutte quelle suddivisioni di dinamiche e ritmiche è necessaria avere una batteria che accentua certi cambi (poi ovviamente dipende dai vari pezzi). Tenere una loop che mi fa delle percussioni fisse toglierebbe tanta essenza di quello che voglio fare. Però capisco bene che da fuori a nessuno gli frega di cosa componi, a meno che non sono musicisti e ti capiscono, quindi l'unica considerazione che possono fare su di te è quella di vederti quasi in un karaoke.

                              In tutto ciò credo di aver capito che per fare il tipo di musica che voglio fare io devo per forza avere un batterista nella band, sennò penso di essere costretto a cambiare genere, cosa che sarebbe troppo scomoda e insensata.
                              Davvero l'unica alternativa in quel caso sarebbe di rischiare di apparire come in un karaoke, magari se non sono da solo ma con un bassista e un altro chitarrista, anche se abbiamo una base che tiene una drum machine (per dire) tutta quella gran noia non la da. Ripeto: guardatevi i live dei ratatat, sono due chitarristi che fanno tutto strumentale e usano drum machine preregistrate ma non danno l'idea di karaoke.

                              Un altro artista, che in italia sta venendo fuori ora, che sembra faccia utilizzo di backing track, loop e varie cose, è Nularse e mischia le loop con backing track e almeno dai video non da idea di essere in un karaoke.

                              Comunque ringrazio tutti per gli spunti che mi sono stati dati e i vari pareri, è stato tutto molto di aiuto

                              Commenta

                              240x200 Colonna destra - Post

                              Comprimi

                              240x90 - Colonna Destra

                              Comprimi

                              240x480 - Colonna Destra Post

                              Comprimi

                              240x48

                              Comprimi

                              240x90

                              Comprimi

                              240x340

                              Comprimi

                              Footer 728x90

                              Comprimi
                              Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
                              X