728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

My piano diary

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #76
    Citazione da VSmolsky Visualizza il messaggio
    Ora stai imparando la teoria che prima ti mancava, però ti ci vorrà tempo per ricostruirti un discreto repertorio come quello che avevi sul basso.
    Beh finora ho circa una ventina di brani in repertorio e continuerò ad impararne di nuovi, non mi sembra poi così male

    Commenta


    • #77
      Quasi mi stai facendo venire voglia anche a me dei tasti nero bianchi

      Commenta


      • #78
        Citazione da Fugu Visualizza il messaggio
        Quasi mi stai facendo venire voglia anche a me dei tasti nero bianchi
        Per noi "cordati" è un altro mondo, a me personalmente affascina ma incute anche un pò di timore: ogni tanto mi avvicino, provo a strimpellare qualcosa con risultati rivedibili; in genere resisto una decina di minuti, poi attacco il basso o la chitarra
        Regolamentazione MusicOff Forum
        Tutta la verità su MusicOffRegolamento MusicOff ForumRegolamento Mercatino

        Altri servizi della community
        Canale YouTube MusicOff Canale Facebook MusicOff

        Commenta


        • #79
          Citazione da 5corde Visualizza il messaggio

          Per noi "cordati" è un altro mondo, a me personalmente affascina ma incute anche un pò di timore: ogni tanto mi avvicino, provo a strimpellare qualcosa con risultati rivedibili; in genere resisto una decina di minuti, poi attacco il basso o la chitarra
          Sicuramente, approccio totalmente differente; Sai cosa? oltre il gusto personale secondo me ci rifiugiamo nello strumento principale per tornare in una specie di "area protetta"; Iniziare con uno strumento differente nella maggior parte dei casi è frustrante

          Commenta


          • #80
            Citazione da Fugu Visualizza il messaggio
            secondo me ci rifiugiamo nello strumento principale per tornare in una specie di "area protetta"; Iniziare con uno strumento differente nella maggior parte dei casi è frustrante
            Parole sante, sarà che l'età avanza ma mi sento sempre meno "intrepido" nei confronti di queste nuove sfide
            Regolamentazione MusicOff Forum
            Tutta la verità su MusicOffRegolamento MusicOff ForumRegolamento Mercatino

            Altri servizi della community
            Canale YouTube MusicOff Canale Facebook MusicOff

            Commenta


            • #81
              Citazione da Fugu Visualizza il messaggio
              Quasi mi stai facendo venire voglia anche a me dei tasti nero bianchi
              Hahahahahaha!!
              Non voglio far sembrare questo topic uno "spazio pubblicità", ma spesso per me il piano è davvero uno strumento "gustoso" e evidentemente da come ne parlo vi trasmetto il mio entusiasmo e il mio apprezzamento
              Comunque le difficoltà non mancano, a breve una nuova "puntata" (ormai siamo nel mood televisivo ) in cui parlerò di un pezzo semplice ma allo stesso tempo ostico!

              Commenta


              • #82
                Da un lato c'è da dire che uscire fuori dalla comfort zone, in generale, non è semplice. Preferiamo sempre muoverci all'interno del recinto che conosciamo, che si tratti di musica, lavoro, relazioni interpersonali.

                Dall'altro però c'è la consapevolezza che raggiungere una tecnica accettabile su strumenti tanto diversi, è praticamente impossibile.
                I polistrumenti esistono, per carità. A volte vedo chitarristi che suonano anche la batteria e il basso, ma come? E dove?
                La batteria ha il classico andamento in 4/4, lento, regolare, senza alcun fill, mentre il basso si limita a portare la nota in ottavi.
                E tutto questo si svolge dentro youtube o instagram, di certo non in una sala concerti o in un teatro.
                Insomma Fugu, nessuno ti vieta di comprare una tastiera o un piano digitale per divertirti di tanto in tanto, come io ogni tanto mi diverto col mio basso Yamaha, ma tra possedere uno strumento e saperlo DAVVERO suonare ci passa una bella differenza

                Citazione da Vigilius
                una volta le cose vecchie erano vecchie e basta, non vintage

                Commenta


                • #83
                  Citazione da VSmolsky Visualizza il messaggio
                  Da un lato c'è da dire che uscire fuori dalla comfort zone, in generale, non è semplice. Preferiamo sempre muoverci all'interno del recinto che conosciamo, che si tratti di musica, lavoro, relazioni interpersonali.

                  Dall'altro però c'è la consapevolezza che raggiungere una tecnica accettabile su strumenti tanto diversi, è praticamente impossibile.
                  I polistrumenti esistono, per carità. A volte vedo chitarristi che suonano anche la batteria e il basso, ma come? E dove?
                  La batteria ha il classico andamento in 4/4, lento, regolare, senza alcun fill, mentre il basso si limita a portare la nota in ottavi.
                  E tutto questo si svolge dentro youtube o instagram, di certo non in una sala concerti o in un teatro.
                  Insomma Fugu, nessuno ti vieta di comprare una tastiera o un piano digitale per divertirti di tanto in tanto, come io ogni tanto mi diverto col mio basso Yamaha, ma tra possedere uno strumento e saperlo DAVVERO suonare ci passa una bella differenza
                  No, ma partiamo da un altro presupposto, io non so DAVVERO suonare neanche la chitarra

                  Quindi lo spirito con cui mi apprroccerei al piano non potrebbe che essere quello, cioè divertirmi a suonicchiarlo senza troppe pretese

                  Commenta


                  • #84
                    Fugu partiamo da un'altro presupposto: nessun utente di forum italiano o straniero sa DAVVERO suonare la chitarra.
                    Chi sa suonare la chitarra sta in TV o nelle piazze e negli stadi, non su internet.

                    Siamo tutti appassionati che fanno quel che possono...ma siamo finiti nel tempo e nello spazio, e ogni giornata spesa a imparare una nuova tecnica sullo strumento B, è una giornata persa per affinare la tecnica sullo strumento A

                    Citazione da Vigilius
                    una volta le cose vecchie erano vecchie e basta, non vintage

                    Commenta


                    • #85
                      Lezioni #18 e #19: Eeeeeh...

                      Ho deciso di accorpare queste due lezioni per due motivi:

                      - ultimamente sono molto pigra e sinceramente non mi andava di fare due post singoli

                      - i brani di cui vi parlerò sono stati scelti appositamente dal mio maestro per sviluppare la mia capacità di cogliere la ritmica di un pezzo (più o meno) al primo ascolto e di riprodurla correttamente sulla tastiera, oltre che capire quando e se è il caso di rivoltare un accordo... in questo, già ve lo dico, mi sto specializzando alla grande! Infatti il mio maestro mi ha affibbiato il soprannome "la regina dei rivolti" perchè tra i suoi allievi sono quella che più fa uso dei rivolti e forse l'unica a non trovarli noiosi

                      Il primo brano è "This is the last time" dei Keane, canzoncina leggera e che si lascia apprezzare, non molto impegnativa:



                      Non ho avuto problemi a casa nell'affrontare lo studio di questo pezzo, e il mio maestro ha constatato con gioia che riuscivo a suonarlo molto bene anche accompagnandomi al video YouTube ufficiale

                      Canzone più ostica è stata invece "Sally" di Vasco Rossi, della quale apprezzo di gran lunga la cover di Ornella Vanoni per la sua interpretazione più profonda e più "sentita":



                      Questo brano non ha una ritmica regolare e ho dovuto ascoltarlo più volte prima di assimilarlo; quando me l'ha assegnato ho pensato che fosse facile e banalotto, invece non è stato affatto semplice
                      Purtroppo a distanza di tempo l'ho in gran parte rimosso, il quanto il mio cervello tende a dimenticare tutto ciò che non trova particolarmente interessante o stimolante, e il repertorio di Vasco Rossi non fa eccezione (non mi è mai piaciuto come artista, gradisco giusto qualcosina tipo "L'una per te" e "Siamo soli").
                      Devo però ammettere che è stato un buon esercizio, quindi brano promosso


                      *Piccola novità: ultimamente nella scuola di musica stanno cercando un/una tastierista per il laboratorio e il mio maestro ha subito indicato me, quindi a breve inizierò a strimpellare in compagnia!

                      Commenta


                      • #86
                        Ciao lyflea, io ho un percorso simile al tuo, nel senso che provenendo da chitarra/basso ho cominciato col piano più che altro per implementare i primi due. Dopodiché mi sono innamorato e non riesco più ad uscirne☺. Le similitudini aimé finiscono qui innanzitutto perché suono da autodidatta, poi perché suono principalmente musica classica. Ma soprattutto perché nella tua rapidissima evoluzione proprio non mi ci ritrovo. Innanzitutto a mani unite sono ancora al caro amico ma poi sono ancora alle prese con la lettura, con l'articolazione delle dita, sul come prendere gli accordi, sul come dare ritmo al tutto, ecc.
                        È per questo che ti chiedo: ma tu quando dici che dopo la prima lezione torni a casa e fai Imagine esattamente cosa intendi?

                        Commenta


                        • #87
                          Citazione da VSmolsky Visualizza il messaggio
                          Fugu partiamo da un'altro presupposto: nessun utente di forum italiano o straniero sa DAVVERO suonare la chitarra.
                          Chi sa suonare la chitarra sta in TV o nelle piazze e negli stadi, non su internet.

                          Siamo tutti appassionati che fanno quel che possono...ma siamo finiti nel tempo e nello spazio, e ogni giornata spesa a imparare una nuova tecnica sullo strumento B, è una giornata persa per affinare la tecnica sullo strumento A
                          Guarda non necessariamente; Di gente che sa suonare per davvero ma non ne ha fatto una professione ne conosco, devo però obiettivamente ammettere che è la minoranza dei casi.

                          Per quanto riguarda il discorso del togliere tempo allo strumento principale per via dello strumento secondario non saprei, potrebbe essere vero; Credo anche però che in alcuni momenti possa essere d'aiuto, un diversivo per distendere i nervi quando ne abbiamo le scatole piene o siamo in momenti di impasse con il nostro strumento "madrelingua"; Qualcosa da suonare senza tensione ed aspettative ecco

                          Commenta


                          • #88
                            Citazione da papettino Visualizza il messaggio
                            Ciao lyflea, io ho un percorso simile al tuo, nel senso che provenendo da chitarra/basso ho cominciato col piano più che altro per implementare i primi due. Dopodiché mi sono innamorato e non riesco più ad uscirne☺. Le similitudini aimé finiscono qui innanzitutto perché suono da autodidatta, poi perché suono principalmente musica classica. Ma soprattutto perché nella tua rapidissima evoluzione proprio non mi ci ritrovo. Innanzitutto a mani unite sono ancora al caro amico ma poi sono ancora alle prese con la lettura, con l'articolazione delle dita, sul come prendere gli accordi, sul come dare ritmo al tutto, ecc.
                            È per questo che ti chiedo: ma tu quando dici che dopo la prima lezione torni a casa e fai Imagine esattamente cosa intendi?
                            Ciao a te
                            Ormai sono ben lontana dalla prima lezione, ma la tua domanda è valida anche ora che ho acquisito un certo bagaglio di esperienze
                            Quando dico che torno a casa e riesco a suonare un brano significa che:
                            - sono riuscita a leggere lo spartito che mi è stato fornito, quindi riconosco le note, le pause, che accordi vanno fatti e se vanno rivoltati e di quanto (primo rivolto, secondo rivolto ecc);
                            - riesco a memorizzare e suonare quello che leggo, a volte con qualche errore, a volte con nessun errore (dipende dalla difficoltà del pezzo).

                            Io seguo un corso di pianoforte moderno, quindi l'approccio allo strumento è sicuramente diverso dal tuo; spesso i miei spartiti sono scritti con la notazione anglosassone, a volte misti (notazione anglosassone + classica quando è difficile carpire le note suonate singole, quindi non in forma di accordo). Ultimamente il mio maestro sta introducendo gli spartiti in notazione esclusivamente classica in quanto vuole che impari a leggere in maniera fluida la chiave di basso/di Fa (quella di violino/di Sol la so già leggere perché ho studiato violino diversi anni fa e quindi accade di rado di non riconoscere quello che c'è scritto).

                            I tempi di apprendimento sono diversi da persona a persona, imparare da autodidatta rende sicuramente tutto più ostico perché non c'è nessuno che ti corregge o ti suggerisce un metodo di studio efficace e già collaudato.
                            Il mio maestro dice che rispetto ad altri allievi per essere al primo anno sto già un passo avanti, non ti so dire da cosa può dipendere (anche perché ho studiato musica in passato ma comunque vengo da strumenti a corda e che non hanno niente a che fare con un pianoforte o con una tastiera).

                            Non so se era questo che intendevi, fammi sapere!

                            Commenta


                            • #89
                              Provenendo da "studi seri" sicuramente sei avvantaggiata rispetto a me che fino a qualche tempo fa il pentagramma l'avevo visto solo in cartolina. Riguardo i tempi di apprendimento non mi lamento: ogni giorno mi sembra di migliorare in qualcosa, soprattutto rispetto la chitarra dove ero proprio piantato (e ho capito che non fa per me: la tastiera della chitarra è un rebus che sono ancora lungi dallo sciogliere).
                              Ma per partitura anglosassone intendi tipo real book(accordi+melodia)? Non ho capito però come suoni la mano sinistra: immagino arpeggi o accordi con un certo ritmo.
                              Però scusa suonare Life on Mars anche presupponendo uno spartito semplificato mi sembra una cosa non proprio semplice. E infine ma tu riesci già a suonare a mani unite?Oo

                              Commenta

                              240x200 Colonna destra - Post

                              Comprimi

                              240x90 - Colonna Destra

                              Comprimi

                              240x480 - Colonna Destra Post

                              Comprimi

                              240x48

                              Comprimi

                              240x90

                              Comprimi

                              240x340

                              Comprimi

                              Footer 728x90

                              Comprimi
                              Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
                              X