728x90

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Delucidazioni sui diritti musicali.

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Delucidazioni sui diritti musicali.

    Ciao a tutti.
    Avrei bisogno di alcune delucidazione riguardante i diritti musicali delle proprie canzoni dato che sto lavorando ad alcune canzoni originali che forse deciderò di pubblicare magari sulle piattaforme con Spotify.

    Prima di tale decisione dovrei appunto essere bene informato su alcuni concetti che purtroppo non ho ancora ben chiaro.
    Indicativamente so bene che ogni artista per essere tutelato deve passare per la SIAE, ma le mie conoscenze finiscono qua. Questa nozione la sanno un po' tutti, anche coloro che sono lontani dal mondo della musica.

    Quindi ecco le domande:

    1. Se io decidessi di pubblicare il mio album originale sulle piattaforme come Spotify usando servizi come Distrokid senza interessarmi della SIAE non sono comunque tutelato?
    2.Se io pubblicassi le mie canzoni originali su Youtube, senza passare per Spotify o per la SIAE e qualcuno per assurdo me le ruba, le carica su Spotify a suo nome non sono tutelato nonostante su Youtube venga dimostrato, ad esempio tramite la data di caricamento, che tale opera è la mia?

    Nel caso avessi le idee confuse (anzi le ho) mi direste quale sarebbe il procedimento per tutelarmi al 100% se decidessi di pubblicare il mio album?


    Grazie mille

  • #2
    Ciao,
    vediamo se Gianmaria Le Metre riesce a chiarirti le idee
    Regolamentazione MusicOff Forum
    Tutta la verità su MusicOffRegolamento MusicOff ForumRegolamento Mercatino

    Altri servizi della community
    Canale YouTube MusicOff Canale Facebook MusicOff

    Commenta


    • #3
      Ciao Ranapazza,
      premetto che le tue domande sono molto specifiche e che per avere una risposta esaustiva e che possa darti delle informazioni complete, anche per il futuro, dovresti chiedere una consulenza.
      In questa sede posso dirti che la legge sul diritto d'autore (art. 6 l. 633/1941) prevede che l'acquisto dei diritti d'autore su un'opera dell'ingegno si ha con la creazione della stessa. Non è vero, dunque, che per tutelare le proprie opere è necessario iscriversi alla SIAE. La SIAE è una delle società di gestione collettiva e nulla vieta ad un autore di gestire i diritti d'autore in prima persona. Per gestione collettiva s'intende che essa ha il compito di gestire e ripartire i compensi derivanti da (alcune) utilizzazioni delle opere di numerosi autori che le hanno affidato un mandato. Per spiegarti quando la SIAE (o più in generale una collecting) può tornare utile sono a farti un esempio banale. Ammettiamo che io sono un autore affermato e che le mie opere vengono eseguite in giro per l'Italia (o peggio all'estero). Come faccio a capire chi come e quando sta utilizzando le mie opere? Qui entra in gioco la SIAE, rivestendo la figura di intermediario tra l'utilizzatore e l'autore dell'opera, può a nome di quest'ultimo, in forza di un mandato, incassare e ripartire i compensi agli aventi diritto.

      Posto quindi che la legge ci dice che il diritto su un'opera si acquista dal momento della sua creazione, il quesito da porsi è un altro: come posso dimostrare di essere io l'autore di un'opera? la risposta, in parole semplici, è: con una prova di tempo certa che possa dimostrare di essere stato io a creare (per primo) l'opera. Questa prova di tempo certa si può ottenere in diversi modi ad es. tramite il deposito in SIAE, o tramite il servizio opere inedite di SIAE (che è cosa diversa) ma anche, semplicemente, tramite una marcatura temporale o il deposito presso un notaio.

      Venendo alle tue domande:

      1. La SIAE non ripartisce i compensi derivanti dallo streaming di Spotify (diverso è il caso di YouTube). Per quanto ne so SIAE e Spotify non hanno stipulato ancora nessun accordo. Puoi quindi tranquillamente riscuotere i compensi attraverso Distrokid senza essere iscritto a SIAE (o altra collecting). Dire che sei tutelato, però è un'altra cosa. La data di caricamento dei brani su Spotify non è considerata una prova di tempo certa e quindi benché tu possa riscuotere validamente i compensi derivanti dalle utilizzazioni su Spotify sei comunque sprovvisto di una prova che possa dimostrare la paternità.

      2. La giurisprudenza non considera la data di caricamento su YouTube come una prova di tempo certa. Quindi, in assenza di una prova certa, rivendicare la paternità di un'opera nei confronti di chi furbescamente l'abbia nel frattempo depositata in SIAE o marcata temporalemente non sarà cosa facile.

      Spero di esserti stato d'aiuto!
      Gianmaria

      Commenta


      • #4
        Ma è vero che basta fare una marca temporale su internet mettendoci lo spartito della canzone (o addirittura l'audio) e stare tranquilli ?

        Oppure c'è qualcosa di più forte che possa dimostrare che un brano è proprio mio?

        Dal quel che so depositare un brano in SIAE non viene riconosciuto a livello legale come prova per dimostrare la paternità di un brano...
        NUOVO SINGOLO: Giorni Senza FineCANALE YOUTUBE SPOTIFY Fammi sapere cosa ne pensi e se hai consigli per me. INSTAGRAMFACEBOOKiTUNES

        Commenta


        • #5
          paradossalmente se anche pubblichi su soundcloud un brano fa " testo " la data di upload , i vari servizi a pagamento non sono altro che server a pagamento dove tu carichi la tua musica e viene rilasciato un pezzo di carta dove si dice che in data X alle ore Y tu hai pubblicato tale brano, di conseguenza la tua paternità sul brano parte da li legalmente, siae serve alla fine solo per la gestione delle royalties se uno si vuol affidare a loro, ma ci sono parecchie alternative a prezzi più ragionevoli
          Chitarrista dei Mercato Nero e Prototape

          Commenta


          • #6
            riguardo soundcloud non sarei tanto sicuro, almeno dal punto di vista legale. Per es. sui social se pubblichi una cosa non vale a livello legale perchè dicono che è possibile modificare la data di un post, e forse lo stesso è per soundcl... ma non ne sono sicuro.
            Riguardo la siae sì, sapevo anch'io la stessa cosa, cioè che serve solo per raccogliere le royalties.
            NUOVO SINGOLO: Giorni Senza FineCANALE YOUTUBE SPOTIFY Fammi sapere cosa ne pensi e se hai consigli per me. INSTAGRAMFACEBOOKiTUNES

            Commenta

            240x200 Colonna destra - Post

            Comprimi

            240x90 - Colonna Destra

            Comprimi

            240x480 - Colonna Destra Post

            Comprimi

            240x48

            Comprimi

            240x90

            Comprimi

            240x340

            Comprimi

            Footer 728x90

            Comprimi
            Sto elaborando... Non inviare di nuovo!
            X