03 Settembre 2014, 08:56:04 *
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.

Login con username, password e lunghezza della sessione
   Home   Help Calendario Gallery Login Registrati  
  Aggiungi come Post Preferito  |  Invia questo topic  |  Stampa  
Autore Topic: Pentagramma e tablature - A cura di Stefano Maroelli  (Letto 1314 volte)
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic.
Offline Offline
Redazione di MusicOff

MusicOff Member
Feedback Mercatino: (0)
Newbie
*

Età: N\A
Sesso:
Posts: 0
« il: 08 Novembre 2012, 11:29:59 »
Pentagramma e tablature
A cura di Stefano Maroelli

Ciao a tutti cari musicoffili, oggi vi propongo un argomento estremamente interessante e che per molti chitarristi moderni rappresenta spesso un grande ostacolo: la lettura della partitura. Con l’ausilio della tablatura o tabulatura (dal latino tabula: “tavola”) molti strumentisti a corda si sono adagiati su questo sistema di lettura/scrittura che facilita l’individuazione delle note sulla tastiera... (Leggi tutto l'articolo)

A cura di: Stefano Maroelli

Loggato
Offline Offline
toberinha

MusicOff Member
Feedback Mercatino: (0)
Non riesco a smettere di postare
*

Età: 28
Residenza: mirano (ve)
Sesso: Maschile
Posts: 1.422
« Risposta #1 il: 08 Novembre 2012, 19:24:55 »
ottima lezione :)
Loggato

Raccomandate ai vostri figli di essere virtuosi; perché soltanto la virtù può rendere felici.
Offline Offline
azb1234
"Et je m'envais/au vent mauvais..." [P. Verlaine]
MusicOff Member
Feedback Mercatino: (0)
Profeta di MusicOff
*

Età: 24
Residenza: Padova
Sesso: Maschile
Posts: 4.679
« Risposta #2 il: 08 Novembre 2012, 21:27:11 »
Interessantissimo. Io sono convinto che un musicista, per potersi definire tale, debba per forza saper leggere lo spartito (io non sono un musicista). È l'alfabeto della musica. Sarebbe come uno che dice di sapere il cinese senza saperlo scrivere. È vero, lo sa parlare, ma non lo conosce completamente. :)
Loggato

Regolamentazione MusicOff Forum
• Regolamento MusicOff Forum • Usanze definite scherzosamente Netiquette • Regolamento Mercatino •

Altri servizi della community
• MusicOff Portal • Canale YouTube di MusicOff • Facebook MusicOff Fanzine • Il Myspace di MusicOff •
Offline Offline
ziotore

Team Moderatori
Feedback Mercatino: (1)
Veterano di MusicOff
*

Età: 23
Residenza: Cagliari
Sesso: Maschile
Posts: 2.819
« Risposta #3 il: 08 Novembre 2012, 22:13:19 »
Non male come articolo. Se posso proporre un seguito farei notare che, a gran parte dei chitarristi "ignoranti",manca un vero e proprio metodo di "lettura " dello spartito.
Personalmente, per imparare da autodidatta, mi aiutavo segnando la diteggiatura sotto le note del pentagramma e suonando tutto in alternata. In caso di sweep segnavo tirée e poussée con una linea "tratteggiata" che seguiva le note. Al riguardo consiglio il buon Leavitt  icon_brindisi.gif
Loggato

Regolamentazione MusicOff Forum
• Tutta la verità su MusicOff • Regolamento MusicOff Forum • Netiquette • Regolamento Mercatino •

Altri servizi della community
• Canale YouTube MusicOff • Canale Facebook MusicOff
Offline Offline
Il Guzzista

MusicOff Member
Feedback Mercatino: (0)
MusicOffilo alle prime armi
*

Età: 35
Residenza: Prov. MI
Sesso: Maschile
Posts: 67
« Risposta #4 il: 08 Novembre 2012, 23:10:52 »
Io studio questo strumento da quasi due anni, ma non essendo più un ragazzino il tempo che dedico è poco, ed inevitabilmente i tempi di apprendimento sono per me più dilatati. Fatta questa premessa, da circa un annetto e mezzo ho accantonato momentaneamente il metodo "scegliamo la canzoncina e impariamo a suonarla" (quindi la parte più ludica dello studio) per seguire un percorso un po più tosto, concentrandosi sulle basi per essere "meno pappagallo" una volta acquisite. L'obiettivo finale é quello di riuscire a suonare una canzone solamente dal pentagramma. Ho diviso quindi lo studio in:
1) imparare le durate di note/pause e relative figure ritmiche
2) imparare a leggere i nomi delle note e trasportarle sulla tastiera
3) imparare a leggere gli accordi e a trasportarli sulla tastiera

Per il punto 1 sto studiando da un anno (e ho quasi finito) il Dante Agostini vol. 1, libro di esercizi per batteristi. Niente accordi, mano sinistra quasi a riposo, metronomo on, mano destra ad eseguire le figure. C'è praticamente quasi tutto quello che normalmente si potrebbe incontrare, comprese sincope, contrattempi, terzine di ottavi e di quarti, sestine di ottavi, trentaduesimi. Grazie a questi esercizi é ovviamente migliorata la sensibilità ritmica, ma soprattutto sono in grado di leggere i tempi e i ritmi di qualsiasi partitura. L'accompagnamento di comfortably numb, scritto con monogramma e sigle di accordi, l'ho imparato in qualcosa come 4 ore circa effettive. Non vi dico la gioia. Per le parti solistiche ci ho messo di più, ma qui perché non sono ancora indipendente dalle tab e le mani non sono proprio scioltissime. Però i tempi li sapevo leggere e vedere che imparavo i passaggi difficili in poco tempo perfino usando i passi della camminata come metronomo mi ha dato grosse soddisfazioni!

Per il punto 2 ho iniziato studiando sul lewitt, volume 1; non l'ho usato tantissimo, ma già dai primi esercizi sono riuscito ad acquisite una sufficiente conoscenza della tastiera in prima posizione. Naturalmente è fondamentale saper riconoscere le armature in chiave ed avere in mente almeno le 5 diteggiature della scala maggiore (con le quali hai già belle che in mano le relative minori). Secondo me è da approfondire lo studio con questo libro.

Per il punto 3, dove sono ora concentrato con l'insegnante, è importante affrontare lo studio dell'armonia, partendo dalle basi e dalle triadi, e studiarsi per bene le 16 ditteggiature possibili delle triadi maggiori sulla tastiera e da li ricavare le altre. Sempre sul lewitt ci sono alcuni esercizi, tra i primi, che ti fanno fare delle semplici triadi e da li, con i rivolti, capisci anche come leggere i grappoli sul pentagramma.

Partendo da queste basi secondo me si è sulla buona strada per prendere sempre più confidenza con il pentagramma e lasciar perdere le tab. C'è più soddisfazione nel leggere quelle cinque righe e poi, diciamocelo, è anche più elegante graficamente.
E poi volete mettere anche la soddisfazione quando andate a casa di vostro suocero, vi mettete davanti agli spartiti dei brani sui quali si sta esercitando col pianoforte e scoprite che volendo potreste già esercitarvi con la vostra chitarra per la parte in chiave di violino?? ;-)
Loggato
  Aggiungi come Post Preferito  |  Invia questo topic  |  Stampa  
 
Salta a:  

Note legali #12 - Per saperne di più...

Salve amici musicoffili, siamo giunti all'ultimo appuntamento  di questa stagione con Note legali, la rubrica che si è occupata di ...

Musica Delle Tradizioni - Settembre 2014

Giunto alla terza edizione, Musica delle Tradizioni, festival ideato da Ilaria Fantin (concertista di musica antica, liutista e musicista professionista ...

Hughes & Kettner 30th Anniversary TM

La TubeMeister è indubbiamente una delle serie di maggior successo di casa Hughes & Kettner, che con la sua presentazione ...

Guitar Workout #5 - Improve your skill!

Salve musicoffii, quinto episodio di Guitar Workout insieme a Francesco Fareri della scuola Total Shred Guitar di Roma, il nostro ...

New Album Releases - 1-7 Settembre 2014

Riassumiamo in questa news le uscite discografiche più importanti di questa settimana (1-7 settembre 2014), che di seguito troverete elencate ...

Luca Carocci - Giovani Eroi

"Giovani Eroi" è l'album d'esordio di Luca Carocci ed è stato pubblicato il 6 maggio scorso per conto dell'etichetta indipendente ...

Canto - Urban legend #7

Salve musicoffili, in questa pillola di Urban Legend riguardanti il canto tocchiamo un argomento, lo stile growl e scream, che ...

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.8 | SMF © 2006-2008, Simple Machines LLC
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!
Pagina creata in 0.255 secondi con 32 queries. (Pretty URLs adds 0.039s, 3q)